Archivi categoria: Politica

Torino – Lione

proviamo a fare chiarezza?
L’opera rientra in un programma Europeo (*) per la costruzione di 10 corridoi ferroviari che attraversano tutta l’Europa (2 in orizzontale ed 8 in verticale. L’Italia è quella più avvantaggiata perché si trova quasi al “centro” dei traffici avendo sul suo territorio 1 corridoio orizzontale, quello che passa per Torino/Lione, e 3 corridoi verticali).
Potremmo diventare centro nevralgico dei traffici europei e fare della logistica un’industria vincente per l’Italia … ma oggi nella stanza dei bottoni ci sono gli incompetenti, e quindi …

Lo sapete, vero, che anche la Rotterdam-Genova (che è già arrivata a Milano …) è a rischio perché stanno bloccando il collegamento con Genova?
Paolo Federici

p.s.: (*) il “programma europeo” nasce con il Trattato di Amsterdam siglato il 2 ottobre 1997.
pp.ss.: il corridoio “5” (quello che dovrebbe passare per Torino-Lione) qualora NON venisse completato passando per Torino-Lione verrà “spostato” più a nord … ed a beneficiarne sarà la Svizzera!

Annunci

2 commenti

Archiviato in cultura, economia, giornalismo, Politica, riflessioni, Trasporti

Chissenefrega di andare a Lione

in un universo parallelo (siamo alla fine degli anni ’50) si sta costruendo l’Autostrada del Sole.
L’opera, gigantesca, è iniziata nel 1956.
Mentre da Nord si procede alla costruzione della Milano-Piacenza, da Sud si mette in cantiere la Napoli-Capua.
Quando, nel 1959, a Nord si sta arrivando a Firenze, a Sud si raggiunge Roma.
I lavori procedono e l’allacciamento finale è sempre più vicino.
760 chilometri di autostrada avrebbero collegato il Nord al Sud, rendendo, di fatto, reale il sogno dell’unità d’Italia!
Arriviamo al 1964 e manca solo un ultimo tratto: quello che avrebbe collegato Orte con Chiusi.
Ma … il tratto finale doveva attraversare i terreni dell’entroterra di Orvieto.
Fu il sindaco di Orvieto, Egidio Toninelli, che, in un memorabile discorso, bloccò i lavori: “chissenefrega di andare a Chiusi!”
Non era solo, alle sue spalle un nutrito gruppo di sostenitori (ma le cronache dell’epoca riportano solo la presenza dei tenutari di cinque stalle, che temevano per il futuro delle loro mucche!) appoggiava decisamente la sua scelta.
Fu inutile perfino l’intervento del capo dell’opposizione, Braccioforte (poi emigrato in America, cambiando il suo nome in “Arm Strong”), che cercò di spiegagli che il collegamento Chiusi-Orvieto era solo un piccolo tratto per il suo paese (Orvieto) ma un grande passo per l’Italia intera.
L’Autostrada del Sole non venne mai completata.
L’Italia tornò ad essere un paese di pastori ed allevatori di vacche.
Insomma, come suol dirsi, andò tutto in vacca.
Oggi (in quell’universo parallelo) una targa ad Orvieto racconta la storia dell’epica lotta di Egidio Toninelli contro la realizzazione del tratto Chiusi-Orvieto.
Nessun telegiornale ha mai mandato in onda la cerimonia di inaugurazione dell’autostrada ed il 4 ottobre 1964, ad Orvieto, si tenne la sagra delle mucche!
Benvenuti nel passato!
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, economia, Generale, giornalismo, Idee, Politica, riflessioni, Trasporti

TAV: Treno ad Alta Velocità

intanto che noi discutiamo per un solo treno … in Cina in un posto sconosciuto ai più (Wuhan) … i treni ad alta velocità (bullet train = treni “pallottola”) sono una grandissima realtà.

Entro il 2020 … la Cina attiverà altri 30.000 (trentamila!) chilometri di binari per i Treni ad Alta Velocità … e noi forse saremo ancora qui a discutere per un pugno di chilometri.

Poi ci chiediamo perché l’Italia non cresca!

Paolo Federici

2 commenti

Archiviato in cultura, economia, Generale, Idee, Politica, riflessioni, Trasporti

E se un cliente non paga?

c’è un cliente che non ci paga.
Noi abbiamo eseguito il trasporto (di alcuni containers) correttamente e la merce è arrivata a destino.
Ma ovviamente NON la rilasciamo se prima non otteniamo i quattrini!
Ed intanto abbiamo scoperto che lo spedizioniere che gestiva i trasporti di quella ditta prima di noi … ha dei containers fermi (da tre mesi!) in attesa di essere pagato.
Risalendo indietro nel tempo, abbiamo trovato un altro spedizioniere che … ha dei containers fermi (da sei mesi!) in attesa di essere pagato.
Incuriosito ho fatto ulteriori ricerche ed ho scoperto che ci sono altri spedizionieri “precedentemente” coivolti.
Qual è il problema: che lo spedizioniere (noi e tutti quelli prima di noi!) oltre al nolo, deve pagare le soste senza nemmeno sapere se e quando le recupererà.
Ovviamente ci siamo rifiutati di gestire altre spedizioni.
Chissà chi sarà il prossimo a cadere nella rete.
Purtroppo non possiamo fare il nome della ditta truffaldina, perché violeremmo la legge!
Quindi, al solito, la legge protegge i disonesti e danneggia gli onesti.
Così va il mondo!
Paolo Federici

3 commenti

Archiviato in avvocati, denuncia, economia, educazione, Generale, giornalismo, giustizia, help, Politica, riflessioni, Trasporti

Tragedia di Bologna

(ricevo e pubblico, ringraziando Marino Torti)
Al TG se ne sentono di tutti i colori.
Commenti intrisi di non conoscenza della materia evidentemente redatti da tuttologi che di trasporti poco o nulla sanno.
Sto leggendo i commenti dell’utente medio di Facebook che invoca l’abolizione del trasporto di chimici pericolosi su strada e qualcuno direttamente l’abolizione del trasporto su camion, la merce deve viaggiare solo via treno.
Si sono dimenticati tutti che a Viareggio le cisterne esplose erano carri ferroviari?
L’incidente, sia esso causato da errore umano o malfunzionamento tecnico, non potrà mai essere evitato, in assoluto.
Certo, tracce ferroviarie dedicate alle merci risolverebbero molto ma se fermi i treni merci per far passare quelli dei turisti …. sei del gatto, senza poi considerare che abbiamo ancora migliaia di km di rotaie a binario unico.
Certo, sarebbero utili corsie riservate ai mezzi pesanti, ma per realizzarle occorrerebbe allargare tutte le autostrade, ponti e gallerie incluse.
Certo, sarebbe opportuno fare turni di guida sopportabili, ma i trasporti costerebbero di più e quindi saremmo invasi da autisti dei paesi dell’est che guidano a costi molto inferiori rispetto a quelli italiani.
Certo, si dovrebbero eliminare i furgoni che trasportano migranti ai campi di raccolta dei pomodori e per farlo occorrerebbe debellare il caporalato (bianco o nero non fa differenza) ma al TG parlano solo dello scandalo del caporalato evitando accuratamente di parlare dei proprietari delle piantagioni presso le quali i raccoglitori lavorano. Qualcuno li porta, ma se li portano è perché qualcuno li utilizza.
Certo, si potrebbero ridurre molti dei rischi che oggi, spesso, troppo spesso, si trasformano in tragedie. Si potrebbe farlo, se veramente lo si volesse. Ad esempio rendere obbligatorio un congegno elettronico, economico e montabile su tutti i mezzi pesanti, che in automatico spegnesse i cellulari se non collegati via bluetooth ad un sistema vivavoce (anche il GPS lo ha) e che regolasse la potenza del motore ai limiti di velocità, distanza fra mezzi e frenata automatica? Ma no, meglio investire sugli autovelox che producono lucro piuttosto che spendere per sovvenzionare la sicurezza, quella vera.
E’ più facile, e redditizio, multare chi viaggia a 86 kmh su 80 kmh consentiti.
E che dire poi di quelli che con posizionamento del container richiesto per le 08.00 ti chiamano alle 08.05 per dirti che il container non è ancora arrivato e che alla tua risposta “è in strada ma sta nevicando e quindi deve andare piano” ti dicono “anche qui nevica ma io sono già in ufficio”.
Il fatto è che tanta gente parla, anzi straparla, anche nei tanti TG che quotidianamente imperversano sui canali TV, ma c’è gente che muore.
Ci sarà sempre, purtroppo, ma si potrebbe ridurre il numero dei morti se solo lo si volesse.
E per non essere frainteso dico che far andare tutti a passo di lumaca non risolverebbe il problema perché l’incidente non lo procura chi viaggia secondo le regole del Codice della Strada.
Per fare un esempio, giovedì rientrando da Genova mi sono trovato una Yaris che viaggiava a 70 kmh al centro dell’autostrada con andatura da biscia.
Quando sono riuscito a sorpassarla in sicurezza, ho volto lo sguardo ed ho visto che la conducente era intenta a digitare un messaggio sul telefonino.
Fermarsi in piazzuola? Noooo, bisogna chattare in tempo reale, H24, ne va del futuro del mondo.
Anzichè pensare di abbassare i limiti di velocità sarebbe forse meglio fare una norma chiara: l’uso del telefono alla guida equivale a 6 mesi di sequestro del veicolo e sospensione della patente per pari periodo.
Della sola multa, e/o di qualche punto in meno, non gliene frega niente a nessuno ma se li lasci a piedi le cose cambiano.

1 Commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, giornalismo, Politica, riflessioni, Trasporti

JEFTA

Protezionismo o libero scambio?
Dazi o mercato globale?
Europa e Giappone hanno sottoscritto un accordo (JEFTA = Japan Europe Free Trade Agreement) per promuovere gli scambi commerciali.

Dall’altra parte della barricata abbiamo Trump che invece si ostina ad aggiungere nuovi dazi.
Qual è la scelta giusta?
Ovviamente io non ho dubbi: sono “contro” la politica dei dazi (ho già scritto in proposito) ed assolutamente a favore del libero scambio.
Qual è il problema?
Che per l’entrata in vigore il Japan Europe Free Trade Agreement necessita della ratifica di ogni singolo Stato dell’Unione Europea.
Chi potrebbe “remare” contro?
Esattamente chi, per la stessa ragione, sta facendo naufragare l’analogo accordo con il Canada (CETA = Comprehensive Economic and Trade Agreement)
Se (come “promesso” dal nostro emerito vice premier Di Maio), l’Italia NON dovesse ratificare il CETA, l’accordo decadrebbe per l’Europa intera.
E poi (temo!) analoga sorte toccherà all’accordo con il Giappone.
Ha senso che certi accordi così importanti debbano decadere per la assurda ignoranza di chi è stato messo alla guida di uno dei più importanti Paesi dell’Unione Europea?
Ma vi rendete conto che “loro” sanno solo dire NO, sempre e comunque, NO … a tutto ed a tutti?
I conti li faremo alla fine, ma tanto sarà colpa di Renzi, del PD, dell’Europa, di Trump, di Putin … di Soros!
Paolo Federici
(lo so, io sono di parte: occupandomi di “trasporti internazionali” lavoro meglio in un mercato libero che non in un mercato “compresso” dalle politiche daziarie! Ma oggi credo di essere stato assolutamente obbiettivo!)

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, Politica, riflessioni, Trasporti

Brexit? No … grazie!

beh, si sono accorti che certe promesse elettorali/referendarie … gli si stanno rivoltando contro.
Succederà anche da noi (per altre promesse … impossibili da mantenere, o comunque portatrici di enormi danni per tutti!).
E allora qualcuno dovrà fare “mea culpa”.

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, giornalismo, Idee, Politica, riflessioni