Archivi categoria: Libri

Non sparate sulla Croce Rossa

Ho letto il libro intitolato “Fire and Fury”, sì … insomma, quello che dice peste e corna di Donald Trump.
Vi dico subito a quale conclusione sono arrivato: a forza di parlarne male, criticarlo per tutto, accusarlo di ogni possibile nefandezza, ridicolizzarlo (come in questa foto)

il risultato è analogo a ciò che è successo con Berlusconi: dopo vent’anni di critiche, accuse, processi, prese in giro … il Silvio nazionale sta per vincere le prossime elezioni.
Succederà anche con Trump?

Comunque, ecco il racconto del libro:

si parte dal paradosso: la stampa non si fida di Trump  e Trump non si fida della stampa (pag. 39)
the novel paradox of two unreliable narrators dominating American public life: the president-elect spoke with little information and frequently no factual basis, while “the frame the media has chosen to embrace is that everything the man does is, by default, unconstitutional or an abuse of power.”

poi si passa alla “lista” di Steve Bannon (pag. 40):
il decalogo (o meglio … “settologo”) di Bannon ricorda il vecchio decalogo del capo: Art. 1 – Il capo ha ragione. Art. 2 – Il capo ha sempre ragione. Art. 3 – Nell’imprevedibile ipotesi che un dipendente avesse ragione, entreranno immediatamente in vigore gli art. 1 e 2.
(1) Trump was never going to change;
(2) trying to get him to change would surely cramp his style;
(3) it didn’t matter to Trump supporters;
(4) the media wasn’t going to like him anyway;
(5) it was better to play against the media than to the media;
(6) the media’s claim to be the protector of factual probity and accuracy was itself a sham;
(7) the Trump revolution was an attack on conventional assumptions and expertise, so better to embrace Trump’s behavior than try to curb it or cure it.

A chi chiede consiglio? A se stesso, come Grimilde … la strega di Biancaneve che chiedeva a se stessa, riflessa nello specchio, chi fosse la più bella del reame (pag. 46)
“Who’s the person you trust? Jared? Who can talk you through this stuff before you decided to act on it?”
“Well,” said the president, “you won’t like the answer, but the answer is me. Me. I talk to myself.”

Steve Bannon (il suo braccio destro … almeno finché non è stato improvvisamente licenziato) è anche quello che … non usa il computer. Siamo entrati decisamente nel futuro! (pag 59)
Bannon, for instance, even driven by his imperative just to get things done, did not use a computer. How did he do anything? Katie Walsh wondered. But that was the difference between big visions and small. Process was bunk. Expertise was the last refuge of liberals, ever defeated by the big picture. The will to get big things done was how big things got done. “Don’t sweat the small stuff” was a pretty good gist of Donald Trump’s—and Steve Bannon’s—worldview. “Chaos was Steve’s strategy,” said Walsh.

a proposito di Mexico, dopo una campagna elettorale “contro” il Messico, i suoi stavano per ricucire lo strappo, ma Trump, come un elefante in una cristalleria, è entrato a gamba tesa (pag. 69)
The negotiation to bring Mexican president Enrique Peña Nieto to the White House had begun during the transition period. Kushner saw the chance to convert the issue of the wall into a bilateral agreement addressing immigration—hence a tour de force of Trumpian politics. The negotiations surrounding the visit reached their apogee on the Wednesday after the inaugural, with a high-level Mexican delegation—the first visit by any foreign leader to the Trump White House—meeting with Kushner and Reince Priebus. Kushner’s message to his father-in-law that afternoon was that Peña Nieto had signed on to a White House meeting and planning for the visit could go forward. The next day Trump tweeted: “The U.S. has a 60 billion dollar trade deficit with Mexico. It has been a one-sided deal from the beginning of NAFTA with massive numbers…” And he continued in the next tweet … “of jobs and companies lost. If Mexico is unwilling to pay for the badly needed wall, then it would be better to cancel the upcoming meeting …” At which point Peña Nieto did just that, leaving Kushner’s negotiation and statecraft as so much scrap on the floor.

si parla del programma “The Apprentice” (quello che in Italia è stato condotto da Flavio Briatore).
Lo sapevate che l’ideatore di questo programma è stato Trump? (pagg. 68 – 81 – 93)
Trump, in a smart move, picked up his media reputation and relocated it from a hypercritical New York to a more value-free Hollywood, becoming the star of his own reality show, The Apprentice, and embracing a theory that would serve him well during his presidential campaign: in flyover country, there is no greater asset than celebrity. To be famous is to be loved—or at least fawned over.

Trump si lamenta della stampa che lo prende in giro per una storia dell’accappatoio. Era uscita una notizia di gossip che raccontava di un Trump spaesato, appena entrato alla Casa Bianca, che vagava, vestito solo di un accappatoio, alla ricerca di un interruttore della luce. Anziché lasciar perdere – a chi non è capitato, entrando nella camera di un albergo, di non trovare l’interruttore della luce? – Trump  si è offeso perché lui mai e poi mai aveva indossato un accappatoio! (pag. 79)
On the February 5, the New York Times published an inside-the-White-House story that had the president, two weeks into his term, stalking around in the late hours of the night in his bathrobe, unable to work the light switches.

Insomma, questa dell’accappatoio e diventata una questione di principio (pag. 81)
The point is, he said, that that very day, he had saved $700 million a year in jobs that were going to Mexico but the media was talking about him in his bathrobe, which “I don’t have because I’ve never worn a bathrobe. And would never wear one, because I’m not that kind of guy.” And what the media was doing was undermining this very dignified house, and “dignity is so important.” But Murdoch, “who had never called me, never once,” was now calling all the time. So that should tell people something.

Solo che per la sua difesa ha scelto il programma “comico” per eccellenza, Saturday Night Live (pag. 81). Facendo una telefonata in diretta … della durata di 26 minuti (vi ricorda niente?):
The media was not only hurting him, he said — he was not looking for any agreement or really even any response — but hurting his negotiating capabilities, which hurt the nation. And that went for Saturday Night Live, too, which might think it was very funny but was actually hurting everybody in the country. And while he understood that SNL was there to be mean to him, they were being very, very mean.

E arriviamo alla questione … Russia. Bannon, il suo braccio destro, prese le difese di Trump appellandosi al fatto che una cospirazione del genere non solo non era vera, ma non sarebbe comunque rientrata nelle capacità “organizzative” di Trump (pag. 84)
As for Bannon, who had himself promoted many conspiracies, he dismissed the Russia story in textbook fashion: “It’s just a conspiracy theory.” And, he added, the Trump team wasn’t capable of conspiring about anything.

Trump lotta contro la stampa al gioco di “facciamo a chi … esagera di più?” (pag. 85)
“They take everything I’ve ever said and exaggerate it,” said the president in his first week in the White House during a late-night call. “It’s all exaggerated. My exaggerations are exaggerated.”

Chi fa bella figura è una donna dell’entourage di Trump. Ma gli elogi non piacciono a Trump. L’unico che meriti elogi … è solo lui! (pag. 95)
In these crosshairs was thirty-two-year-old Katie Walsh. Walsh, the White House deputy chief of staff, represented, at least to herself, a certain Republican ideal: clean, brisk, orderly, efficient. A righteous bureaucrat, pretty but with a permanently grim expression, Walsh was a fine example of the many political professionals in whom competence and organizational skills transcend ideology.

Leggere? No, grazie! Trump non legge libri, ma non legge nemmeno le relazioni che gli sottopongono, gli studi, i grafici. A lui piace solo parlare. Soprattutto quando lui è l’unico ad avere la parola! (pag. 98)
Trump didn’t read. He didn’t really even skim. He was postliterate—total television. But not only didn’t he read, he didn’t listen. He preferred to be the person talking.

Lavorare in “team”? Non sia mai! (pag. 101)
As Walsh saw it, Steve Bannon was running the Steve Bannon White House, Jared Kushner was running the Michael Bloomberg White House, and Reince Priebus was running the Paul Ryan White House. It was a 1970s video game, the white ball pinging back and forth in the black triangle.

Anche perché i membri del suo team (per sua stessa ammissione!) … non sono molto affidabili (pag. 104)
In paranoid or sadistic fashion, he’d speculate on the flaws and weaknesses of each member of his staff. Bannon was disloyal (not to mention he always looks like shit). Priebus was weak (not to mention he was short—a midget). Kushner was a suck-up. Spicer was stupid (and looks terrible too). Conway was a crybaby. Jared and Ivanka should never have come to Washington.

Ma anchi i suoi sostenitori non sono da meno. Richard Spencer – il guru dei suprematisti bianchi – ha festeggiato il trionfo di Trump al grido “brindiamo a questo nuovo 1933” con ovvio riferimento all’anno dell’ascesa al potere di Hitler! (pag. 107)
Richard Spencer, the president of the National Policy Institute, which is sometimes described as a “white supremacist think tank, said; “Let’s party like it’s 1933,” as in the year Hitler came to power—provoked an outcry with his widely covered “Heil Trump” (or “Hail Trump,” which of course amounts to the same thing) salute after the election

Trump, secondo Bannon, sarebbe riuscito a portare la pace in Medio Oriente (pag. 119)
He would make peace in the Middle East.
“He’s going to make peace in the Middle East,” Bannon said often, his voice reverent and his expression deadpan, cracking up all the Bannonites.

Ma Kissinger la pensava diversamente (pag. 119)
In the Trump White House, observed Henry Kissinger, “it is a war between the Jews and the non-Jews.”

Ci sarà qualcuno capace di scrivergli un discorso? (pag. 122)
There was a lack of coherent message because there was nobody to write a coherent message—just one more instance of disregarding political craft.

Insomma, la storia procede in maniera piuttosto deludente, fatta soprattutto di gossip (e di evidente e reiterata incompetenza nel gestire il proprio ruolo: il Presidente Trump non ne esce per niente bene!).
Ma alla fine uno si stufa anche di leggere … (lo ammetto, prima della pagina 200 ho smesso).
Magari se mi viene voglia di riprendere in mano il libro ve lo farò sapere
Paolo Federici

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in cultura, economia, Generale, giornalismo, Libri, Politica, recensioni, riflessioni

Nove pallottole per il Presidente

il nuovo libro di Paolo Federici è stato presentato sabato 2 dicembre a Milano (inizio ore 19.30), presso “Le Libragioni” (via Bardelli 11 angolo via Pacini – MM2 Lambrate):

Uno spedizioniere internazionale viene coinvolto in un intrigo legato ad un traffico di armi e si improvvisa investigatore.
Arriverà a scoprire la verità?

(Vuoi leggere la prima parte … e poi decidere se acquistarlo? Basta un CLICK!)

breve recensione
due storie si intersecano: una storica ed una di fantasia.
Sono fatti storici la vita e la morte di Ken Saro Wiwa, rivoluzionario nigeriano che oserei considerare una specie di Che Guevara africano.
Ha lottato per il suo popolo (gli Ogoni) contro lo strapotere della compagnie petrolifere in una Nigeria dove la corruzione aveva raggiunto livelli inimmaginabili.
Tanto è vero che lo hanno condannato a morte sulla base di accuse totalmente false!
La “storia” però poi gli ha dato ragione: la Shell è stata condannata a pagare quindici milioni di dollari ai suoi eredi.
Ma è un fatto storico anche il premio nobel per la letteratura dato a Wole Soyinka, scrittore nigeriano.
E sono fatti storici quelli legati ai ricambi di presidenti nigeriani nel corso degli anni e dei diversi colpi di stato.
Dove invece spazia la fantasia è nel mondo dei trasporti marittimi: uno spedizioniere italiano (insomma, uno che fa lo stesso lavoro che faccio io!) si ritrova nel ruolo di investigatore dopo aver scoperto che una cassa, affidatagli per essere trasportata in Nigeria, anziché pezzi di ricambio, conteneva armi!
Ecco dunque il filo conduttore che lega la storia di Ken Saro Wiwa alla fantasia … dell’autore!
Ma ecco anche il racconto di cosa fossero i trasporti marittimi negli anni ottanta: c’è la vita di tutti i giorni in una casa di spedizione, ma anche quella in una agenzia marittima. C’è il racconto dello sviluppo dei servizi navali con il passaggio dalle vecchie carrette del mare alle moderne navi portacontainer. Con un po’ di nostalgia per quei tempi, quando il settore era in continua crescita ed il lavoro non mancava.
Al giorno d’oggi assistiamo a tutta una serie di “investigatori” atipici: oltre ai soliti commissari, poliziotti, carabinieri, abbiamo medici, preti, suore, casalinghe, scrittori …
Insomma, uno spedizioniere internazionale ancora non si era affacciato all’orizzonte e quindi mi è sembrato giusto proporlo.
Tra l’altro lo stesso protagonista di questo libro sarà anche protagonista di un altro giallo, sempre legato al mondo dei trasporti marittimi.
Per finire, forse, con una trilogia.
Ma prima di tutto dovrete dirmi se questo libro … vi è piaciuto e se il “filone” può essere interessante ed adeguatamente sviluppato.
Come per il gatto di Schrodinger, il prossimo libro esiste e contemporaneamente non esiste.
Sta all’osservatore (il lettore) decidere cosa trovare nella scatola del prossimo futuro!
Quindi la prima cosa da fare … è leggere “Nove pallottole per il Presidente”, e poi ne riparliamo!

Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Generale, giustizia, Libri, Trasporti

Non spegnere la luce

Non spegnere la luce (Bernard Minier)

ho cominciato con “un appartamento a Parigi” (che avevo già letto in francese … e sono sempre più perplesso: come sia possibile resistere due anni chiusi nella stiva di una nave mangiando liofilizzati e bevendo … cosa? Mah!) poi è stata la volta di Markaris con “il prezzo dei soldi”, quindi “Roma Enigma” finché non ho visto la pubblicità di 4 libri.
Tre erano proprio quelli appena “divorati”
Potevo forse farmi mancare il quarto?

Vado dunque in libreria e chiedo “Non spegnere la luce”
L’addetta alle vendite mi si presenta con un librone di 700 pagine!
Mi siedo e comincio a leggerlo.
Non vorrei mai acquistare un tomo del genere per poi scoprire che non mi piace.
Passa una mezz’oretta e sono già quasi a pagina cinquanta.
Mi alzo e vado alla cassa.
“Allora, ha deciso di acquistarlo?” mi chiede la fanciulla.
“Sì, devo dire che mi sta prendendo proprio bene.”
“Sono contenta per lei”
“Ma sa qual è il problema?” le chiedo, con fare burbero.
“Quale?”
“Che fra tre giorni l’ho finito. E poi?”
Era giovedì: domenica prima dell’ora di pranzo il libro l’ho finito.
Adesso lo sto rileggendo, perché un giallo ha un sapore diverso quando si sa già come va a finire.
Però questa volta me la prendo con un po’ più di calma: ci vorranno almeno sette giorni.
Se l’anno scorso vi è piaciuto “la verità sul caso Harry Quebert” di Joel Dicker, questo vi piacerà ancora di più.
Se avete letto “sete” di Jo Nesbo, preparatevi ad un altrettanto valido thriller.
Insomma, prendetevi un po’ di tempo (sono sempre 700 pagine, in fondo) e gustatevi un gran bel libro.
Sapendo già fin d’ora che quando l’avrete finito avrete solo voglia di rileggerlo.
Almeno, a me ha fatto questo effetto.
Buona lettura.
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, giornalismo, Libri, recensioni, riflessioni

10 giudizi per 1 incipit

Ho partecipato (insieme alla mia amica Barbara Risoli!) ad un concorso mandando l’incipit del nostro nuovo romanzo scritto a quattro mani (chi lo volesse non deve far altro che chiederlo!) e questi sono i dieci giudizi che mi sono arrivati.

 

6.67

Devo ammettere che personalmente trovo di difficile approccio i romanzi che hanno una componente storica che, a mio avviso, rischia di appesantire la narrazione. Tuttavia, in questo caso, gli eventi storici vengono descritti con puntualità e precisione e sono quindi in grado di conferire maggiore spessore all’opera. In alcuni tratti avrei preferito che fosse stato dato maggiore spazio ai dialoghi, tralasciando la parte puramente descrittiva che a volte rischia di annoiare o di non coinvolgere appieno il lettore. Il linguaggio è sicuramente buono, e la sintassi è indiscutibilmente apprezzabile. La ricercatezza terminologica è in grado di conferire personalità al testo, anche se in alcuni punti potrebbe rischiare di fa perdere immediatezza al testo e fluidità alla lettura, costringendo il lettore a tornare indietro sulle parti da leggere… L’incipit del 2014 fa immaginare un romanzo denso di erotismo, poi la chiave di lettura del testo si differenzia, destabilizzando positivamente il lettore che viene proiettato verso una doppia narrazione. Davvero piacevole e originale l’escamotage usato per narrare due storie d’amore vissute in due epoche diverse.

8.33

Storia appassionante. La ripetizione del tema della reincarnazione non stanca grazie all’ottimo uso di un lessico pulito che ti fa scorrrere indietro nel tempo e ipotizzare storie nella storia insieme ai protagonisti.

6.67

Mi piace molto l’idea del salto nel tempo. Non è banale e da la possibilità di spaziare con facilità. L’idea è ottima. Per i miei gusti aggiungerei qualcosa per renderla un po’ meno sdolcinata. Sono curioso di leggere il seguito.

5.00

L’incipit è scritto in italiano corretto, tuttavia si notano disattenzioni nella grafia dei termini stranieri (“Cécile” e non “Cecile”, “Königswinter” e non “Konigswinter”, “déjà vu” e non “dejà vu” o “deja vu”, “Geneviève” e non “Genevieve”, “Lapérouse” e non “Laperouse”). Si tratta di difetti minori, risolvibili in fase di editing, però trasmettono la sensazione di un testo non curato a sufficienza (da questo punto di vista, si segnala anche un errore nel primo periodo della sinossi: “Una storia d’amore che attraverso il tempo”, anziché “attraversa”). Si nota la presenza eccessiva di modificatori: avverbi (“avidamente”, “benevolmente”, “profondamente”, “propriamente”, “estremamente”, “immediatamente”, ecc.) e aggettivi a volte superflui (ad esempio, “una giovane ragazza”: è ovvio che una ragazza sia “giovane”). L’uso troppo frequente degli avverbi è sconsigliabile: da una parte, rivelano uno scarso impegno nella ricerca di termini più succinti e appropriati (per esempio “somme estremamente interessanti” potrebbe sostituirsi con “un patrimonio”), dall’altra tendono a rallentare il ritmo e ad affaticare la lettura, difetto rilevante specie quando, come in questo caso, si ha a che fare con un testo di carattere “mistery/thriller/suspence”, nel quale il ritmo serrato è determinante. Alcuni passaggi suonano goffi, inappropriati o artificiosi, come nel caso di “quell’antro sempre più umido”: quale amante pensa alla parte anatomica in questione come a “un antro”? Oppure “quel suo sguardo teutonico fatto di ghiaccio”, “Adesso prendiamo il treno per recarci in centro” (troppo formale per un sms, più appropriato “Adesso prendiamo il treno per il centro”). Non si capisce se il termine “leccaminosa” sia un neologismo (che però suona stonato) o un refuso. Al di là della forma, benché l’idea degli amanti reincarnati sia interessante, la realizzazione non convince. Il racconto pare una concatenazione di fatti improbabili (la coppia che casualmente, per un congresso medico, si ritrova proprio a Königswinter e proprio in quell’albergo; la signora che in una gita di un giorno nella vastità di Parigi si imbatte proprio in quel locale; Rodolfo che scova proprio quel libro) e il tema della reincarnazione, da parte dei protagonisti, è trattato con aria troppo casuale, come fosse una qualsiasi curiosità e non una scoperta sconvolgente. Il tono dei dialoghi della coppia anziana appare del tutto inappropriato alla portata di ciò che vanno scoprendo e la narrazione non riesce a creare un senso di suspense o di mistero nel lettore. In altri termini, dalle prime righe si ha l’impressione di aver già colto l’andamento della vicenda. Può darsi che non sia così, e che il prosieguo riservi sorprese e colpi di scena, ma non è possibile saperlo a causa dell’assenza di una sinossi dettagliata.

7.67

Mi sento di dare un “sufficiente” alla grammatica non per l’esistenza di errori ed orrori grammaticali, ma per l’ampollosità e la ricercatezza dello stile. Nella prima riga compare un “sugge” che persino il mio programma di scrittura non riconosce. L’idea mi piace davvero, ma amo la scrittura veloce e scorrevole. non è più epoca di arzigogolii (non so se esiste il plurale di questa parola, ma credo renda l’idea).

7.00

Buona storia, abbastanza originale nel contesto la trama. Piacevole, scorrevole nell’essenza. Sicuramente l’aspetto di vedere i libri come strumento attraverso il quali aprire dei “varchi” o porte aperte verso altri mondi è molto originale.

6.67

L’inizio è coinvolgente, con qualche pecca forse nei dialoghi che in certi punti si vorrebbero un poco più profondi. Mancano coordinate più precise per identificare i protagonisti del presente, soprattutto i nomi; si accenna a un congresso medico, ma di più non viene rivelato, nemmeno dove si trovano i due, indebolendo la complicità con il lettore. Quando il protagonista ha il primo flash riguardante Cecile, tutto gli sembra già svelato, mentre è solo all’inizio di un viaggio di esplorazione che coinvolge due piani temporali. Solo due? No, più avanti diventano tre perché anche la coppia del passato ha un deja-vu di cui per il momento non si sa niente. Il protagonista tende a razionalizzare, e questo non aiuta la suggestione. Il lavoro di ricerca, tuttavia, risulta piuttosto improbabile e sbrigativo. Come anche l’innamoramento di Cecile per Friedrich, che dovrebbe apparire molto più conflittuale. Tuttavia, c’è una coerenza nella linea seguita, che non è quella del thriller o del paranormale, ma della passione amorosa. Incontriamo poi Rodolfo, ma non sappiamo se è lui il protagonista. Infatti più avanti si capisce che non è lui, ma pesa ancora la mancanza di un’identità dell’uomo che intende fare chiarezza sulla reincarnazione. La trama si dipana veloce, perfino troppo. Si sente il bisogno di inquadrare meglio i personaggi e di fare delle brevi soste per assimilare un materiale molto ricco.

3.67

Un romanzo di genere Mystery/Thriller/Suspence dovrebbe creare un’atmosfera di tensione, un meccanismo che cattura il lettore fin dalle prime battute. Un’atmosfera che non ho trovato in questo incipit. Penso che se fosse stato costruito in maniera differente sarebbe risultato più accattivante. Così sembra una storia d’amore che ha ben poco di suspense, di thriller o di mistero. Ho detto “poco” e non “nulla”. L’entrata in scena dei vari personaggi e delle differenti epoche risulta, in questo tipo di costruzione, molto caotica e non agevola la lettura. C’è, inoltre, qualche errore di troppo, forse dovuto a una mancata rilettura. La sinossi è pessima: sembra davvero scritta a quattro mani, ma ciascuna diversa e senza accordo con le altre.

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Generale, Idee, Libri

Il libro dei Baltimore

ci sono libri che lasciano il segno. Questo però partiva avvantaggiato: avendo letto i due precedenti dello stesso autore, sapevo di andare sul sicuro. Insomma, mai fu più azzeccato il detto “non c’è due senza tre”.

le_livre
Del più famoso (La verità sul caso Harry Quebert) ci ritroviamo i colpi di scena dovuti alla trama del giallo.
Dell’altro (Gli ultimi giorni dei nostri padri) c’è la storia vissuta in tempo di guerra: allora era una guerra combattuta con le armi, adesso una guerra combattuta nel mondo della finanza (e dello sport).
La cosa bella (bella per me, motivo anche di vanto) è che non potevo aspettare l’uscita in italiano e così me lo sono letto in francese.
E devo dire (sorpresa!) che ho capito tutto (almeno credo!).
Adesso dovrò aspettare il prossimo?
Ma neanche per sogno: me lo compro in italiano e me lo rileggo daccapo!
E voi, cosa aspettate a leggerlo?
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, giornalismo, Libri, recensioni

C’è sempre un perché

qual è il compito di un giornalista? Fare domande e cercare risposte.
Ho appena terminato di leggere “La colpa degli altri” (di Gila Lustiger)

LA_COLPAMarc (il protagonista del libro) è un giornalista di quelli veri, tutto d’un pezzo, pronto a rischiare finanche la vita pur di far venire a galla la verità.
Un’indagine giornalistica su un delitto avvenuto trent’anni prima, lo porta alla scoperta di verità segrete inimmaginabili.
Il mondo è governato dal potete dei soldi; un potere che non guarda in faccia niente e nessuno.
O forse, qualche volta, per qualche oscuro motivo, quel potere risponde a regole di tutt’altro genere.
Scoprirlo sarà arduo e faticoso, ma un bravo giornalista arriva sempre alla verità, qualunque essa sia.
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Generale, giornalismo, Libri, recensioni, riflessioni

ATTO UNICO (di Raffaele Mangano)

caro Raffaele
questo week end ho fatto una cosa intelligente: ho letto il tuo ultimo libro.

copertina-raffaele-manganoD’altronde ho letto anche tutti gli altri e quindi non potevo mancare di aggiungere questo all’opera omnia che è in mio possesso.
Con me hai gioco facile: conosco lo stile, mi piace il tuo modo di piazzare riferimenti a fatti o persone che non nomini lasciando al lettore il piacere di indovinare, apprezzo la capacità di inserire aforismi e di dare spiegazioni che ben figurerebbero nella rubrica “forse non tutti sanno che” della Settimana Enigmistica.
Per cui ho deciso che invece di lanciarmi in lodi sperticate, mi dedicherò alla contestazione, spero costruttiva.
Colgo troppo pessimismo, ma più che altro, noto quasi una ripulsione verso gli ottimisti (categoria alla quale mi onoro di appartenere).
Il tacchino che, ottimisticamente, lega la visita del suo padrone alla distribuzone del cibo, senza capire che all’ultimo giorno anziché ricevere da mangiare si troverà con il collo tirato, vive comunque meglio del tacchino che, pessimisticamente, dovesse tremare ogni singola volta che riceve la visita del suo padrone, immaginandosi che proprio quello sia il famoso giorno del ringraziamento.
Insomma il classico bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto non cambia la sua consistenza quantitativa.
Tanto vale coglierne il lato positivo.
D’altronde l’aforisma giusto l’hai messo nel libro: “anziché maledire l’oscurità, accendi una candela”.
Non puoi lasciare il lettore così “come color che stan sospesi” dopo avergli rivelato come hai conosciuto Abigail. Se davvero non c’è stato alcun seguito, inventalo. Non è forse questo lo scopo di scrivere? Cambiare la realtà quando non ci piace. In fondo c’era chi diceva che “i ricordi sono fatti della stessa sostanza dei sogni”.
Capisco che sia difficile cambiare la mentalità di certi “seguaci” dei capipopolo color verderame, ma almeno per questo hai provato ad indicare la strada: “rispondi in maniera intelligente anche a chi si comporta da stupido”.
Anche se non sarei proprio d’accordo (o meglio, mi sono stufato! Tanto è vero che mi sono cancellato da facebook dopo l’ennesima discussione con l’ennesimo “condivisore di bufale” a oltranza).
Vabbè, dai: basta con le “contestazioni” (amichevoli e bonarie!).
Veniamo alle lodi: il libro mi ha fatto rivivere la perdita di memoria che davvero ho subito in gioventù.
Mi svegliai una mattina con una spalla indolenzita, sulla quale faceva bella mostra di sè una ferita incrostata di sangue, senza riuscire a sapere né che giorno fosse né chi fossi io.
E come il protagonista del tuo libro iniziai a cercare di rimettere insieme i pensieri ed i ricordi.
Mi colpì la vista del vocabolario di latino presente sulla scrivania insieme ad altri libri legati con la cinghia: dovevano essere i libri preparati per andare a scuola quel giorno.
In un attimo fissai tre punti: se portavo a scuola il vocabolario significava che era venerdì, perché solo al venerdì si faceva il saggio di latino. Dovevo frequentare un liceo, perché il latino si studiava solo nei licei. La ferita non doveva essere grave, visto che mi trovavo nel mio letto.
Il problema era capire quale classe stessi frequentando, se fosse novembre o maggio (meglio maggio, perché voleva dire che la fine della scuola era vicina) e quali altre materie erano previste al venerdì.
Ma la cosa più difficile da accettare era la questione “fidanzata”: sapevo di avere una ragazza, ma non ricordavo più chi fosse.
Vabbè, non voglio tediarti. Magari quando ci vediamo ti racconto il seguito. Scoprii che la sera prima, giocando a calcio, avevo preso un pugno in acrobazia dal portiere mentre cercavo di infilare la palla di testa. Caduto a terra il cervello aveva pensato bene di rilassarsi un attimo provvedendo ad un “reset” che non fu immediato.
Questo per dire che mi sono davvero immedesimato tanto nel personaggio ed ecco dunque la domanda fondamentale (sulla vita, l’universo e tutto quanto: quella alla quale la risposta ufficiale è “42”): ma a te è mai capitato di perdere davvero la memoria?
Da parte mia posso dire che il racconto delle sensazioni che si provano è certamente azzeccato, per cui sarei pronto a scommettere per il sì.
Ma questo ce lo diremo tra di noi, in separata sede.
Finisco con un: “consiglio vivamente la lettura di questo libro che può provocare la nascita di pensieri profondi a cui, oggi come oggi, non siamo più tanto abituati”.
Paolo

4 commenti

Archiviato in cultura, giornalismo, incontri, Libri, recensioni