Rapporto 2021 ‘Italian Maritime Economy’

Il trasporto marittimo continua a rappresentare il principale “veicolo” dello sviluppo del commercio internazionale: il 90% delle merci viaggia via mare. I trasporti marittimi e la logistica valgono circa il 12% del PIL globale.
Si stima per il 2021 un aumento del 4,2% dei volumi di traffico marittimo che raggiungeranno 12 miliardi di tonnellate, superiori ai livelli pre-Covid-19; per il 2022 le stime parlano di un ulteriore incremento del 3,1%.
Per il 2025 la movimentazione container a livello mondiale crescerà a ritmi del 4,8% medio annuo e raggiungerà 1 miliardo di TEU (Europa +3,9%, Africa +4,9%, Far East +5,3%, Middle East +4% e Nord America +3,6%)
Il Canale di Suez, nell’anno della pandemia ha mostrato una notevole resilienza superando il miliardo di tonnellate di merci, con un numero di transiti pari a quasi 19mila navi. E’ dunque rimasto uno snodo strategico per i traffici nel Mediterraneo continuando a rappresentare il 12% del traffico mondiale ed il 7-8% di quello petrolifero.
Porti congestionati a causa dei contagi, super rialzi dei noli, mancanza di container vuoti e blank sailing (rotte cancellate) sono stati i grandi fenomeni che hanno impattato sugli equilibri del traffico marittimo, specie sulle rotte Far East-Mediterraneo e Far-East USA.
I noli hanno raggiunto livelli record sulle principali rotte e non mostrano ancora segni di rallentamento; si stima saranno alti nel 2021 con un +22,6% e un riassestamento pari al -9,4% nel 2022.
Proseguono il gigantismo navale e il dominio delle grandi alleanze sulle rotte strategiche; gli ordinativi delle navi oltre 15.000 teus sono previsti crescere del +17% al 2023.
Vi è stato un sensibile aumento del trasporto ferroviario sulla via Cina-Europa e viceversa. Nel primo trimestre 2021, il numero di treni merci ha toccato il record di 3.345 convogli, in aumento del 79% sullo stesso periodo del 2020.
La ridefinizione di alcune supply chain su scala regionale riporterà in Europa alcune filiere e ciò potrà favorire ulteriormente la crescita del trasporto marittimo a corto raggio per il quale il Mediterraneo ha già una posizione di leadership in ambito europeo.
In Italia la componente internazionale del trasporto marittimo è sempre rilevante. Nel 2020 il valore degli scambi commerciali via mare dell’Italia è stato pari a oltre 206 mld€, registrando un -17% sul 2019. Nel primo trimestre 2021, l’import export via mare ha registrato un +3%.
I porti del Mezzogiorno con 207 milioni di tonnellate di merci gestite nel 2020 incidono per il 47% del totale sul traffico italiano. Il Sud ha mostrato una maggiore resilienza durante la pandemia: il calo dei porti meridionali è stato del -3,4% contro il -10% circa dell’Italia.
Le imprese del Mezzogiorno utilizzano, nei loro rapporti import-export la via marittima in modo più intenso del resto del Paese. Infatti, il 57% dell’interscambio del Sud avviene via mare (per un valore di 42 miliardi di euro) contro il 33% del dato Italia.
Per la crescita del Sud sarà fondamentale la ripartenza delle ZES (Zone Economiche Speciali) e l’utilizzo dei fondi del PNRR per le infrastrutture portuali pari a oltre 3,8 miliardi di euro. Tutto dovrà avvenire rispettando le chiavi dello sviluppo sostenibile, della resilienza e della digitalizzazione. Investimenti in GNL e idrogeno imperativi strategici per competere con una visione del futuro.

(dal comunicato stampa. Per scaricare l’intera serie di documenti, basta un CLICK)

Lascia un commento

Archiviato in Generale

Lisboa antiga

Maurizio Pistore … ci racconta il suo viaggio intorno al mondo!

Alle sei sono in piedi e senza far rumore, altri 5 nel piccolo dormitorio stanno ancora dormendo, porto fuori tutta la roba; devo fare il cambio tra quello che porterò con me a Toronto come bagaglio e quello che invece partirà con la moto dentro la cassa. Ci impiego quasi un’ora ma alle sette ho diviso tutto e carico quanto destinato a viaggiare con la moto sulla Kazakina.
Ieri sera ho fatto un giretto qua attorno ed ho visto un piccolo baretto carino, affacciato sull’oceano. Decido così di andare lì a fare colazione e mai scelta fu appropriata perchè il cappuccino era proprio squisito e le pasteis de nata (2) che mi sono cuccato erano una delizia. Vabbè dai, sono sempre il solito ..
Alle 8 sono al magazzino della JRPedro e comincio a svuotare la benzina, staccare i cavi della batteria, levare cupolino e specchietti, impacchettare sia le piccole borse sopra quelle di alluminio sia casco, cupolino stesso, borsa con l’abbigliamento da moto: un’oretta e mezza e la moto è pronta per essere messa dentro la cassa (l’operazione la faranno materialmente loro, io quel che dovevo ho fatto!!).
Chiamo Ana Paula e Moreno suo marito e ci accordiamo per incontrarci lì vicino verso le 14; nell’attesa vado al grande e ben fornito supermercato Lidl al fondo del vicolo e mi prendo un hamburgher ed una spremuta di arancia, tanto per riempire un pò lo stomaco. Ana Paula è la responsabile locale di WFWP, donne per la pace nel mondo, ed il Suo nominativo mi è stato dato da Flora Grassivaro, la responsabile di Padova. E’ una amabile conversatrice e seppur portoghese parla fluentemente l’italiano, essendo vissuta per 23 anni a Padova; Moreno è invece padovano doc, di Vigonza, ed ha lavorato per anni nel settore calzaturiero della Riviera del Brenta. Passiamo qualche ora insieme sulle rive dell’oceano, a raccontarci i rispettivi impegni di volontariato, e quando mi riportano all’ ostello mi fanno la sorpresa: domattina saranno loro ad accompagnarmi all’ aeroporto di Lisbona per prendere il volo diretto per Toronto. Grazie di cuore, miei nuovi cari amici.
Adesso speriamo che mi facciano partire e che non ci siano “rogne” o novità Covid.
Maurizio

Lascia un commento

Archiviato in amici, cultura, giornalismo, Trasporti

e la moto va …

Lascia un commento

Archiviato in Generale

Lo sconto: un bene o un male?

al giorno d’oggi la maggior parte delle pubblicità si basa sullo sconto.
Sconto, sconto extra, offerta speciale.
Addirittura c’è chi pubblicizza un assurdo “sottoprezzo”.
Ma che razza di azienda è quella che paga 100 per realizzare un prodotto e poi lo vende a 90?
Ultimamente c’è chi propone: non un euro in più di quello che è costato a noi.
Non ho mai creduto a chi lavora gratis.
Se voglio fare volontariato o beneficenza è una cosa, ma lavorare per non guadagnare è contro ogni logica.
La concorrenza è ormai condizionata dal prezzo e sembra che a questa corsa verso il baratro non ci sia limite.
Io mi occupo di trasporti internazionali e ricevo richieste di preventivi a iosa.
Ma ormai si tratta solo di partecipare ad un gioco: chi fa meno, vince!
Qual è il problema?
Internet ha reso facile chiedere preventivi a dieci, cento, mille aziende … quindi siamo all’uno su mille ce la fa.
(Quello che farà il preventivo più basso).
E gli altri 999?
Avranno lavorato (preparare un preventivo è comunque un lavoro!) “a gratis”.
Pensate davvero che una situazione del genere possa andare avanti a lungo?
Prendiamo la questione dei noli marittimi: portare un container dalla Cina all’Italia, un anno fa costava 1.000 dollari.
Oggi ne costa 12.000 (e c’è chi prevede di arrivare, entro la fine dell’anno, a 20.000 dollari).
Cosa è successo veramente?
Delle centinaia di Compagnia Marittime che offrivano il servizio, ne sono rimaste solo tre o quattro che hanno deciso di non farsi la guerra.
Quindi?
Quindi andiamo, in tutti i settori, verso una specie di monopolio, dopodiché non ci sarà più possibilità di scegliere il prezzo più basso.
Ma noi non ci saremo…
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, Generale, giornalismo, Politica, riflessioni, Trasporti

le vie fluviali

si parla sempre (e molto) di strade e ferrovie, ma nella nostra area esiste una terza via (poco sfruttata, ma potenzialmente molto interessante): ci riferiamo alle vie fluviali.

Sono in pochi a sapere che il nome della fermata della metropolitana di Milano “Porto di Mare” trae origine dal vecchio progetto realizzato solo in parte, della costruzione del canale navigabile Cremona-Milano e che aveva previsto l’organizzazione del Porto vicino alla zona di Rogoredo quando le zone erano agricole. Parliamo di fine anni dell’800 e l’inizio del ‘900. Sulla base di alcune videoconferenze sui temi della Navigazione Turistica e Merci, alcuni operatori, anche milanesi, avevano messo in evidenza la necessità di condividere queste tematiche. Purtroppo il tema dell’utilizzazione delle infrastrutture della Navigazione Interna è stato abbandonato nei decenni passati a differenza di quello che avveniva nei secoli scorsi. Viceversa l’Unione Europea attraverso le sue politiche delle Reti Transeuropee promuove i trasporti più sostenibili ed ha sempre di più incoraggiato la ripresa del trasporto fluviale e Fluvio-Marittimo anche all’interno delle aree metropolitane.

Interessante è anche il tema della Navigazione Turistica e passeggeri: Milano potrebbe essere visto e diventare un centro nevralgico di tutto il sistema che collega i laghi, Maggiore (Locarno) e Como tramite i Navigli, il Po e quindi nell’Adriatico. Numerosi sono i progetti di riqualificazione ed ampliamento della rete di navigazione interna e dei Navigli e grandi sono le potenzialità di mercato che potrebbe avere il trasporto turistico.

Proviamo a fare delle COMPARAZIONI “chilometriche” così magari diventano più evidenti le differenze! Prediamo tre Stati “EUROPEI”: Italia, Francia e Germania

La Francia è la più grande (ha un’estensione quasi il doppio dell’Italia) ma una popolazione equivalente (65 milioni loro, 62 noi!)

La Germania ha un’estensione simile alla nostra (350 mila chilometri quadrati contro 300 mila) ma una popolazione molto più numerosa (82 milioni contro 62 milioni)

STRADE:
France 1,027,183 – Germany 644,480 – Italy 487,700
proporzionalmente (sia per area che per popolazione) abbiamo molti meno chilometri di strade rispetto agli altri due

FERROVIE:
Germany 41,981 – France 29,640 – Italy 20,254
qui il dato è ancora peggio: nonostante un’estensione territoriale simile, abbiamo LA META’ di chilometri di ferrovia rispetto alla Germania. E nonostante lo stesso numero di “persone”, abbiamo un terzo di chilometri in meno rispetto alla Francia.

VIE D’ACQUA
France 8.501 – Germany 7.467 – Italy 2,400
ma dove mostriamo le nostre carenze e nelle vie FLUVIALI. La differenza rispetto a FRANCIA e GERMANIA è davvero enorme. Sarà anche vero che Alpi ed Apennini limitano le possibilità di sviluppo delle vie fluviali, ma proprio per questo la pianura padana (ed in modo particolare il collegamento tra Milano e Cremona) potrebbe essere l’area ideale per sviluppare le vie fluviali!

Il 26 maggio si è tenuto un convegno, organizzato dal Propeller Club, dal titolo: Milano, porto di mare.

L’argomento è stato preso alla larga: alla fine del 1300, il marmo per la costruzione del Duomo arrivava via fiume dalle cave di Candoglia, situata sul fiume Toce.

Era invece il 1482 quando Leonardo da Vinci, appena arrivato a Milano, fu reclutato da Ludovico II il Moro che gli assegnò il compito di studiare un sistema che rendesse possibile la navigazione tra il Lago di Como e Milano. Leonardo, che aveva già progettato un sistema di dighe finalizzato a risolvere il problema della differenza di altezza, rendendo il territorio navigabile, non si lasciò sfuggire la possibilità di buttare giù alcuni schizzi, che sono oggi conservati all’interno del Museo dei Navigli. Da quel momento i Navigli furono caratterizzati da un continuo sviluppo, dato dalla costruzione di nuovi canali e dighe. Questo è il modo in cui i Navigli diventarono un importante mezzo di comunicazione per la città di Milano.

Insomma il sogno di collegare Milano al mare è parecchio datato.

Ed oggi?

Ne ha parlato Gabriele Negrini, dell’autorità portuale di Mantova, intervenendo sull’argomento: le azioni fatte sulla rete della Navigazione Interna.

Ci sono due aspetti da considerare: un aspetto turistico, per cui è possibile la navigazione di piccoli natanti per andare dalla Svizzera all’Adriatico (il progetto Locarno-Venezia) ma è possibile andare in crociera da Torino a Venezia lungo la ciclovia del Po.

C’è poi un aspetto logistico: trasportare merce via fiume anziché via strada potrebbe contribuire, non poco, a togliere traffico (e inquinamento) dalla strada. Coniugando sviluppo e rispetto dell’ambiente!

Già prima del PNRR esistevano dei finanziamenti europei per potenziare le vie d’acqua, ipotizzando di collegare Milano a Venezia e Trieste.

Oggi a che punto siamo: ma Mantova a Marghera esiste un ottimo servizio di chiatte che possono trasportare colli eccezionali pesanti centinaia di tonnellate che NON potrebbero essere trasportati via strada. Il collegamento esisteva (fino a pochi anni fa) fino a Cremona ma si è bloccato tutto perché si è abbassata la marea, quindi bisognerebbe procedere con un’operazione di dragaggio per recuperare pescaggio.

Da Cremona poi il collegamento con Milano diventerebbe più facile (già esistono collegamenti con Piacenza e Pavia)

Quindi, volendo organizzarsi, adesso potrebbe essere il momento ideale per investire sul progetto ed una Milano Metropolitana potrebbe avvantaggiarsene non poco!

Una piccola nota polemica: il progetto non è nuovo, ma un centinaio di anni fa … quando già ci si stava lavorando, qualcuno bloccò i lavori. Era il 1929 e lui era quello che, secondo alcuni, ha fatto anche cose buone!

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Generale, giornalismo, Idee, incontri, Politica, riflessioni, Trasporti

mi disegnano così …!

Lascia un commento

Archiviato in amici, cultura, Generale, giornalismo, riflessioni, Trasporti

Di chi sarà il problema?

fermato un camion che stava effettuando un trasporto eccezionale senza i permessi stradali.
L’autista è fuggito portandosi via la targa, evitando così la prigione (perché diventa difficile rintracciarlo), ma sia il camion che la merce vengono sequestrati.
Chissà se il proprietario della merce sarà felice di aver risparmiato sul costo del trasporto affidandosi ad un operatore che non rispetta le regole!
E non ditemi che il problema è di chi compra: chi vende (anche se vende ex works) deve controllare che i documenti siano in regola.
Se non lo fa diventa complice del reato.

Ah, il fattaccio è capitato in Russia: là non scherzano con i trasporti irregolari e chi ne è coinvolto (autista, società di trasporti, esportatore, importatore) va in galera!

Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, Generale, giornalismo, riflessioni, Trasporti

loading…

Lascia un commento

Archiviato in economia, Generale, giornalismo, Trasporti

Il Divino Container

Nel mezzo dell’oceano tante navi
Con tanti teus in stiva ed in coperta
Ma teus cosa vuol dire? Fate i bravi

Spiegatelo a persona non esperta
Che ha solo un venti piedi da spedire
E vuole aver da voi la vostra offerta.

Ma dimmi come te lo devo dire
Che il prezzo è una variabile complessa
Dipende da quand’é che vuoi partire

Il “transit time” poi dimmi, ti interessa?
Che Incoterms son quelli pattuiti?
Quant’è che pesa? Che merce c’hai messa?

Mi servono un po’ tutti i requisiti.
Quand’è che vuoi il posizionamento?
E tu vuoi solo dei prezzi finiti.

E non ascolti proprio il mio lamento.
Ti serve un dato, un numero soltanto
E poi farai un bel confrontamento

E inizierà la gara, non c’è santo
E vincerà uno solo, chi fa meno.
No, non mi piace e sono proprio affranto.

Credevo di gestire quantomeno
Trasporti coordinati per tuo conto
Invece questo mondo é un mondo osceno

Ti servo come mezzo di confronto
Lavoro senza essere pagato
Mi usi per tuo proprio tornaconto

Adesso veramente mi hai stufato
La festa qui finisce te lo dico
Arrangiati, io sono pensionato.

Lascia un commento

Archiviato in Generale

FORTUNE T-SHIRT

Lascia un commento

Archiviato in Generale