Che lavoro fai? Gioco a chi fa meno!

hai bisogno di un prezzo per merce in arrivo in importazione e allora chiedi a dieci diversi spedizionieri.
Solo che la merce sta arrivando con i miei servizi ed i dieci spedizionieri chiedono a noi, quali siano i nostri prezzi!
“Abbiamo un arrivo 2 casse, 700 kos, 3,11 cbm … mi dici quali sono i costi di svuotamento, sdoganamento, giacenza?”
“Certo. Eccoli!”
Dopo dieci minuti, altra mail da altro spedizioniere:
“Abbiamo un arrivo 2 casse, 700 kos, 3,11 cbm … mi dici quali sono i costi di svuotamento, sdoganamento, giacenza?”
“Certo. Eccoli!”
Passa mezz’ora, ed arriva altra richiesta, sempre per la stessa spedizione:
“Abbiamo un arrivo 2 casse, 700 kos, 3,11 cbm … mi dici quali sono i costi di svuotamento, sdoganamento, giacenza?”
“Certo. Eccoli!”
Quando sono arrivato alla sesta richiesta … ho cominciato a stufarmi!
C’è un importatore che sta chiedendo ad una decina di spedizionieri cosa debba pagare.
Per cui, nove spedizionieri avranno “lavorato” gratis (chiedere, informarsi, contattare, quotare …) ed uno solo farà il lavoro.
Non sarebbe il caso di dire ai clienti: “se vuoi che ti prepari una quotazione, mi paghi!”
Scommettiamo che anziché far lavorare dieci spedizionieri (per poi utilizzarne solo uno), i clienti ridurranno le loro richieste e fare lo spedizioniere tornerà ad essere un lavoro professionale e non una gara a chi fa meno?
Paolo Federici

2 commenti

Archiviato in cultura, dogana, economia, Generale, Trasporti

Project Cargo Network

Our 2019 Annual Summit in Botswana

We were excited to hold our 9th Annual Summit from 17-19 November 2019 at Gaborone International Convention Centre (GICC) at The Grand Palm Resort in Botswana. See Group Photo.

Game Drive & Meeting Room & Gala Dinner

The event, held in the heart of Africa, gave Members the opportunity to understand, explore and secure business in the expanding marketplace. Representation from the region included Cameroon, Djibouti, Egypt, Ghana, Ivory Coast, Kenya, Namibia, Nigeria, South Africa and Tanzania.

This year, we introduced several new features including saying goodbye to environmentally unfriendly, printed schedules by developing our own Event Web App, where delegates schedules were readily available on their mobile devices.

A key feature was one-to-one messaging so that they could engage with each other before, during and after the gathering. They were also able to make notes against each 1-2-1 meeting that only they could see.

Time in the meeting room was predominantly 1-2-1 meetings, where delegates from over 55 countries exchanged information, reviewed current and upcoming government and private projects in the manufacturing, oil and gas, infrastructure, construction, power and energy sectors.

Another exciting addition to the event was 4 exclusive Infovideos, recorded especially for PCN by industry expert Marco van Daal. The first video was a thought-provoking case study of the installation of a huge floating granite sphere. The challenge was finding the best solution to lift a 15 ton round ball without touching the bottom. The second video revealed the most common mistake when executing a project, so obvious yet so underestimated that even NASA made the mistake resulting in a 5-year investigation. The third video was an exciting case study where tandem lift operators could not see each other and at a certain point, could not see the 30-ton silo cargo either – operating blind solely on the instructions given by radio. The fourth video covered the important topic of skidding and addressed the various systems, what they consist of, what to look out for and what the latest trends are.

Logistics Director at OMA Group, Mr Ian Treder gave an informative presentation regarding the challenges and benefits of working in Africa. Ian has over 30 years’ experience in the shipping and logistics industry and is currently involved in business development, port activities and inland transportation in Africa for the OMA Group, predominately focused on West Africa.

We also welcomed Special Guests, Este De La Hunt and Sharon Cilliers of CargoWise One, with whom we recently formed an exclusive partnership which opens a range of benefits and discounts for PCN Members.

“Project Freight Forwarding is all about building relationships with partners. PCN recognizes the importance of meeting face to face and organizes the venues to allow for owners, executives and the new generation to meet in person, discuss business and build long lasting relationships, trust and friendships. Our recent meeting in Botswana definitely accomplished this. A mixture of meetings, activities and learning opportunities such as the infovideos differentiate PCN from other networks. It offers a lot of learning opportunities and tools such as the new “Event Web App”, allowing members to view their meetings, communicate with each other and keep notes on the app. PCN offers the venue and the rest is on US to attend. SCACLI use this occasion to introduce our company to new members and build the existing relationships to grow our business.” Maria Misurka, VP & Managing Partner, SCACLI (Canada)

Other highlights included a trip to Mokolodi Nature Reserve where we were treated to an exciting game drive in safari vehicles, where we saw rhinos, hyenas, giraffes, amongst other animals. Then we enjoyed a delicious Bush Braai of steak, chicken and boerewors. An extra special treat was when Mafitlhakgosi Traditional Dancers arrived and gave a spectacular show that had us all up on our feet by the end of their performance.

For 2019, we created a new framework of awards to better represent and support the achievements of our membership. The two-stage judging process consisted of a shortlisting followed by a final judging panel which included award winning maritime journalist Felicity Landon, author of The Art of Heavy Transport, Marco van Daal and the highly experienced industry consultant, Susan Oatway.

PCN continued to contribute to the global fight to battle plastic pollution. Most similar events use 100s of single-use plastic water bottles over their duration, which can take up to 1,000 years to decompose. For the second year running, delegates were provided with BPA free reusable PCN bottles and the hotel supplied pitchers of filtered water. The gathering also raised US $1500 for Sentebale, a charity founded in 2006 by Prince Harry and Prince Seeiso, to support children and young people affected by HIV in southern Africa.

PCN President/CEO, Rachel Humphrey said “We are delighted with the feedback from our delegates that they had a fantastic stay in Botswana. We strive to provide a ‘best possible’ event each year and always consider new ideas and improvements that we can make. We appreciate our Members precious time and the cost involved in attending and want them to gain as much value from our gatherings as possible.”

Lascia un commento

Archiviato in cultura, economia, Generale, giornalismo, Trasporti

Project Cargo Network

for your Project Cargo needs concerning Italy, here we are:

Lascia un commento

Archiviato in economia, Generale, Trasporti

il treno dalla Cina

ecco la mappa aggiornata dei servizi ferroviari per trasportare merce dalla Cina …

map_rail_china

lo so, è scritto in cinese … ed io non so il cinese.
Però conosco un po’ la geografia!
In questa mappa NON è riportata alcuna stazione di collegamento sul territorio italiano!
Quindi, il treno dalla Cina c’è … e funziona egregiamente, ma NON ARRIVA in Italia.
Chiedetevi perché!
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, economia, Generale, Politica, riflessioni, Trasporti

al Ministro dei Trasporti

gent.ma Paola De Micheli
posso consigliarLe di mettere in bellavista, sulla Sua scrivania, questa immagine:
collegamento_rail_sud_nord
L’Italia può diventare il centro della Logistica integrata Europea, sviluppando il collegamento “ferroviario” tra Gioia Tauro (da far diventare il nuovo centro dei traffici che transitano nel Mediterraneo) ed il Nord Italia, per poi far proseguire le merci verso tutte le maggiori destinazioni Europee (grazie alla TAV, in primis, ma anche grazie agli altri corridoi ferroviari che si stanno completando!).
Riporteremo così in Italia il controllo della Logistica passata, negli anni, sotto la “giurisdizione” dei Paesi del Nord.
Sempre che sia ancora possibile cambiare … le carte in tavola!
Altrimenti resteremo relegati a Paese satellite delle altre potenze Europee.
Con fiducia
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, dogana, economia, Generale, incontri, Politica, riflessioni, Trasporti

E se il “corriere” perde una busta …

eh sì, sono cose che succedono!
Solo che quella busta conteneva il set completo di Polizze di Carico Originali relative ad una spedizione di merce (per via marittima).
Tale set andava presentato in banca per negoziare una lettera di credito del valore di qualche centinaia di migliaia di euro.
Il corriere si defila: d’altronde perdere una busta è una cosa che succede. Tra l’altro, le condizioni di trasporto evidenziano come NESSUNO TITOLO DI CREDITO possa essere spedito con corriere!
Migliaia di Spedizionieri e di Compagnie di Navigazione che si inviano Polizze di Carico Originali a vicenda tramite corriere … senza sapere che stanno operando “illegalmente”.
Ma il bello viene quando si va a richiedere un secondo set!
Non basta la dichiarazione di smarrimento rilasciata dal corriere.
Non basta la “denuncia” presentata ai carabinieri.
Non basta il fatto che le Polizze di Carico identifichino il destinatario e quindi nessun altro, pur in possesso dei documenti “persi”, potrebbe presentarsi a ritirare la merce.
La Compagnia di Navigazione, per emettere un secondo set di Polizze di Carico Originali, chiede una Polizza Fideiussoria per il valore della merce, con una validità di due anni.
La domanda, alla fine, è una sola: chi paga?
(Veramente, c’è anche un’altra domanda: come fare per evitare che una cosa del genere si ripeta?)
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in avvocati, denuncia, economia, Generale, riflessioni, Trasporti

andiamo a lavorare all’estero?

secondo i risultati dell’indagine Expat Insider 2019, questo è l’ordine dei migliori Paesi dove espatriare: Taiwan, Vietnam, Portogallo, Messico, Spagna, Singapore, Bahrein, Ecuador, Malesia e Repubblica Ceca

In fondo alla classifica troviamo Kuwait, Italia e Nigeria che sono dunque le destinazioni peggiori per espatriare.

Il Kuwait è il paese “in cui gli espatriati trovano difficile stabilirsi”.

L’Italia è il paese che “offre la peggiore vita lavorativa” (l’Italia si posiziona al 63esimo gradino (su 64) della classifica).

La Nigeria è il paese dove c’è la peggiore qualità di vita al mondo.

Non sarebbe il caso di smetterla di parlare di migranti ed iniziare a fare una politica per riportare l’Italia ad un livello un po’ più alto del … penultimo posto?

Ai posteri …

Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, economia, Generale, giornalismo, Politica, riflessioni