Sconti? No, grazie!

un vecchio adagio recita: “chi più spende, meno spende.”
Quando chiedevo a mia nonna di spiegarmelo, mi diceva: “se compro un paio di scarpe che costa poco, dopo due mesi le suole si bucano e sono costretta a ricomprare un altro paio di scarpe. Ecco che due paia di scarpe da poco costano più che un paio di scarpe buone!”
Era matematica spicciola ma comprensibile.
Se pensi che un professionista ti costi troppo, non sai quanto ti costerà un dilettante… si dice anche!
Eppure oggi, se ci fate caso, nella maggior parte dei casi la pubblicità dei prodotti punta sullo sconto, sulla comparazione dei prezzi (nel nostro supermercato i prodotti costano meno; con i nostri servizi le telefonate costano meno; se fai il contratto con noi, acqua, luce e gas ti costeranno meno; con noi risparmi sulla benzina; con noi risparmi sugli interessi; noi ti diamo trasporto e montaggio gratis …).
Per arrivare all’assurdo di quelli che vendono sottocosto: mi volete spiegare come faccia un negozio che ha pagato un prodotto 100 … a venderlo a 80? Ma davvero la matematica è cambiata? Non c’è più la vecchia regola del “costo + guadagno = ricavo”?
Questo cosa significa?
Che le aziende per poter VENDERE i loro prodotti a “meno” … devono ridurre i COSTI.
E come si riducono i costi?
Nell’80 per cento dei casi tagliando posto di lavoro e/o riducendo gli stipendi e/o ricorrendo alla cassa integrazione. Per il restante 20 per cento, riducendo la QUALITA’ del prodotto in vendita.
Insomma siamo di fronte al classico gatto che si morde la coda.
La nostra ricerca del prezzo più basso ci si ritorce contro e così ci ritroviamo disoccupati, oppure a dover affrontare un taglio dello stipendio, oppure a dover convivere con la cassa integrazione.
Questa ossessione del dover “pagare meno” quando siamo noi a comprare qualcosa, ha come conseguenza il dover “incassare meno” quando ci pagano per il nostro lavoro.
La spirale (la corsa al ribasso) è inarrestabile.
Intanto le aziende, per convincerci della bontà della loro offerta (che è sempre “anche” la più bassa!) spendono milioni in pubblicità.
Alla fine, lavoriamo tutti di più (rispetto al passato) per guadagnare molto di meno.
Senza renderci conto che la colpa, alla fin fine, è nostra: se la smettessimo di cercare sempre e solo il prodotto che costa meno, ma guardassimo davvero alla qualità, ecco che l’inversione di tendenza sarebbe possibile.
Ma finché, egoisticamente, ognuno pensa solo alle proprie tasche ed a “risparmiare” a oltranza, non ne verremo più a capo.
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, economia, Generale, Politica, riflessioni

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...