i 10 punti … ed 1 contestatore!

Cristiano Pamfili (che ringrazio) ha avuto la pazienza di leggersi i miei dieci punti … ma non solo, ha avuto anche tempo e voglia di contestarne qualcuno.
In corsivo le sue contestazioni, in grassetto le mie contro-deduzioni!

Punto 3) imbarco tardivo, documenti per LC non conformi. Qui a mio avviso lei si arrampica un po’ sugli specchi. Certo io non ho il controllo del vettore marittimo, non verrò informato di eventuali ritardi nave o short shipment, lei ha ragione. Ma io venditore devo negoziare un credito, e so che la P/c deve esser datata diciamo entro 31.10.2020, dunque intanto una settimana prima inizio a chiamare la Compagnia di navigazione per avere un draft del documento e controllare che sia conforme ai termini della LC, Avrò il nome della nave e l’ETD. Inizierò eventualmente a chiedere al compratore di modificare il Credito e se tutto va storto… non gli presento le BL e lui non si ritira la merce. Ma in questo caso è malafede, può succedere la stessa cosa anche se vendo CIF. Se l’imbarco ritarda ed il cliente è in malafede il rischio esiste con qualsiasi clausola resa merce

La differenza sostanziale è che con l’EX WORKS la nave la cerca e la sceglie chi compra, con il CIF la cerca e la sceglie chi vende. Lei può metterci tutta la buona volontà nel contattare la Compagnia di Navigazione una settimana prima, ma se quella non ha la nave, lei non può mettersi a cercarne un’altra (come potrebbe fare se avesse venduto CIF, evitando così che la L/C scada!). E’ vero, lei può chiedere al compratore di modificare il credito, ma è altrettanto vero che il compratore può rifiutarsi. Lui (il compratore) magari non comprerà più la sua merce (potrebbe aver trovato na fornitura analoga ad un prezzo migliore e quindi, volutamente, far scadere la L/C) ma lei si ritrova con merce che ha prodotto apposta e chissà se potrà mai venderla ad altri.

Punto 5) merce venduta EXW, avaria generale/danni al carico, spese a carico Shipper. Siccome lei mi ha risposto in modo presupponente mi permetto di farlo anch’io (ma solo su questo punto, promesso): qui dimostra tutta la sua ignoranza. Innanzitutto lei attribuisce questo problema, come in tutto l’articolo, alla clausola Incoterm EXW. E mi dica, se avessi venduto CFR, o CIF, o DDP.. chi sarebbe stato citato come shipper? Fracazzo da Velletri forse? Se c’è danno alla merce la Navigazione si rivolge sempre allo shipper. Ma qui lei dimostra la sua doppia ignoranza: mentre in tutte le altre rese merci lo Shipper è ovviamente il venditore (ma non per regola fissa, questa lezione gliela terrò un altra volta), proprio in caso di EXW la legge autorizza il venditore ad apparire come Shipper ma “in the name and for account of the buyer”. Proprio perché le responsabilità del venditore si arrestano nel momento in cui consegna la merce su camion.

Come giustamente dice lei, la legge autorizza il venditore ad apparire “in the name of the buyer” ma solo se questo è previsto dalla lettera di credito. Ed io non ho mai visto una lettera di credito con questa “autorizzazione”. Quando alla differenza sostanziale tra EX WORKS e CIF è che nel secondo caso lei, venditore, si sarà munito di idonea copertura asicurativa che ovviamente tutela il venditore anche nei casi di avaria generale e/o avaria particolare.

Punto 7) vendita EXW pensando che merce destinata Dubai, invece fatta arrivare in altro Paese dove io già vendo : A) intanto non capisco cosa c’entra la clausola di resa merce. Il mio cliente potrebbe fare lo stesso trucchetto anche se io vendo CIF Jebel Ali (nel caso non lo sapesse è il porto free zone Di Dubai). La riceve e la vende in un altro Paese, magari a condizione FOB. B) scusi ma lei parte dal presupposto che io venda contro Lettera di Credito, che ovviamente citerà, nel campo 44B il porto di destinazione. Dunque il suo discorso non sta in piedi, perché io venditore vengo a sapere dove è indirizzata la merce. C) abbiamo visto che la sua tesi non sta in piedi né dal punto di vista logistico (punto A), né da quello documentale (punto B). Ma non sta in piedi neppure dal punto di vista commerciale. Ammettiamo che il mio cliente truffaldino venda in effetti la merce in India, dove io ho già il mio mercato. Ma io in India vendo a… diciamo a 10. Ora se come è logico ho venduto a 10 anche al mio cliente di Dubai, lui sarà obbligato a vendere in India almeno a 11… dunque la sua concorrenza non mi fa tanta paura.

No, caro: se lei vende CIF Jebel Ali, è “lei” che tratta il nolo con la Compagnia di Navigazione per un viaggio verso Jebel Ali e non altri porti. Se invece lei vende EX WORKS e l’unico documento che vede è una FCR, l’unica cosa che lei sa è che la merce viene ritirate dallo spedizioniere incaricato dal compratore, ma quale sia la destinazione lei non lo saprà mai!
E se lei ha, in quel particolare Paese di destinazione, una sua catena di distribuzione dove il suo prodotto viene venduto localmente a 100, non crede di trovarsi in difficoltà avendo la concorrenza “in casa” di chi vende il suo stesso prodotto magari a 80?

Punto 8) vendita EXW a HK ma in effetti merce distribuita dal mio compratore in Cina. Più o meno lo stesso discorso del punto 7. Intanto io vedo dalla LC dove è ufficialmente destinata la merce. Se mi si fa credere che è per consumo di HongKong e vedo come porto di sbarco Shenzen o Shanghai… qualche dubbio me lo pongo. Se invece in LC c’è effettivamente HK come porto di sbarco e a posteriori nasce un qualsiasi problema… non avrò bisogno di avvocati: dirò che ho venduto il vino al Sig X alle condizioni EXW Bolgheri, pagamento contro LC che dichiara merce spedita in Cina… dunque per ulteriori dettagli si rivolgano al Sig X. Anche in questo caso, comunque la clausola di resa merce non c’entra niente, perché io posso vendere anche “DDP casa del sig X” ad HK, ciò non eviterà che il sig X poi la faccia proseguire per la Cina

NO, se Lei vende DDP casa del sig X, il suo spedizioniere (che cura i suoi interessi e non quelli del compratore) farà arrivare la merce esattamente a casa del sig X. Comunque è successo, tempo fa, che la dogana cinese abbia sequestrato del vino italiano entrato di contrabbando e naturalmente sui giornali c’è finito il marchio italiano di quella casa vinicola. Se quella casa vinicola avesse venduto DDP, il vino lo avrebbe fatto entrare rispettando le regole (lo sa perché il vino francese ha nolto più successo del vino italiano, in Cina? Perché loro, i francesi, vengono DAP e controllano l’intero trasporto fino alla consegna al destinatario. Mentre gli italiani, che sono più furbi, continuano a vendere EX WORKS!)
Certo è facile dire: “io ho venduto ex works, quindi con il contrabbando non c’entro”. Lo vada a spiegare a chi ci fa gli articoloni sui giornali!

Punto 9) truffa sostituzione merce. Qui onestamente non la capisco. Mi comprano la merce, me la pagano… poi ne facciano ciò che vogliono. Io venditore faccio il mio affare, lo concludo (nel senso che consegno la mia merce e vengo pagato), poi non sto mica a fare lo Sherlock Holmes. Comunque le racconto un fatto vero anche se ovviamente non faccio nomi: quando lavoravo da Spedizioniere doganale internazionale a Trieste, metà anni 80 ho avuto un cliente.. molto più geniale di quelli che mettono sassi nel contenitore. Lui andava dalle grandi aziende, tipo Star e simili dicendo che aveva un ufficio di distribuzione in Romania (effettivamente lo aveva) e proponeva diciamo alla Star (che in Romania non aveva un suo mercato) di acquistare grossi quantitativi, ovviamente a prezzi… per il mercato rumeno. Poi faceva arrivare il camion a Trieste che come lei sa è Punto Franco (a proposito noi eravamo corrispondenti di Panalpina… forse lei ed io ci conosciamo), faceva la bolla export A54 destinazione Romania (che ovviamente faceva avere alla Star come prova), il camion entrava in punto Franco…faceva il giro del porto e si ripresentava in Dogana per esser re-importato e venduto sul mercato “secondario” a Napoli e dintorni 🙂

Cioè, praticamente lei mi sta dando ragione: se quell’esportatore italiano avesse venduto DAP Bucarest, quel tipo di “truffa” non sarebbe stata possibile! Siccome la legge non ammette ignoranza, non sia mai che l’esportatore si ritrovi accusato di collusione con il “delinquente” ed anche… associazione a delinquere!

Punto 10) Chiudo scherzando con il punto 10 ed un personale commento finale : OK, lo spedizioniere sparisce. Però potrebbe anche succedere che sbarchino i marziani ed attacchino la Dogana o (cosa successa come lei saprà, a Istanbul) che i mujajdin facciano saltare in aria la banca dove hai presentato i documenti del Credito… che dunque non incasserai mai. Mi dica sinceramente Federici: in 43 anni quante volte ha visto “sparire nel nulla” uno spedizioniere doganale?

Siamo arrivati al punto 10 ma sembra che lei non abbia ancora chiara la differenza tra uno spedizioniere internazionale ed uno spedizioniere doganale! Comunque, di spedizionieri (sia internazionali che doganali) ne ho visti fallire fin troppi. Se vuole le faccio l’elenco, ma allora bisognerebbe prevedere un nuovo lunghissimo post!

a voi la palla!

Paolo Federici

p.s.: pensavate che fosse finita? E invece no!

Lascia un commento

Archiviato in cultura, dogana, economia, Generale, giornalismo, Idee, riflessioni, Trasporti

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...