C’è chi dice no (ed ha ragione!)

per una volta sono d’accordo con gli americani!
Nel mondo dei trasporti ci sono regole valide per tutti e poi ci sono regole valide per tutti coloro che vogliono avere a che fare con gli Stati Uniti.
Ad esempio, sapete cosa sia la FMC?
Un ente statale americano che spara multe a raffica a chi non si attiene alle LORO regole (ad esempio, la registrazione delle polizze di carico. Operazione che comporta il pagamento di qualche decina di migliaia di euro!)
Se TUTTI gli Stati del Mondo chiedessero agli Stati Uniti la reciprocità di una tale normativa (e quindi gli americani fossero costretti a depositare migliaia di dollari in ogni Paese con il quale intendessero mantenere rapporti di libero scambio), la normativa verrebbe immediatamente a cadere.
No, non è questa la “norma” sulla quale sono d’accordo con gli americani!
E’ quella che riguarda la nuova normativa SOLAS che entrerà in vigore al primo di luglio.
Tutti i CONTAINERS dovranno essere pesati prima di essere imbarcati.
Non si accetterà più l’autocertificazione dell’esportatore (oggi come oggi l’esportatore “dichiara” il peso della sua merce e buonanotte).
All’entrata del porto si provvederà alla pesatura e questo comporterà “solo” un po’ di ulteriore coda all’ingresso ed incolonnamento!
Ma il bello è che se il peso “riscontrato” risulterà diverso da quello “dichiarato” scatteranno le multe.
Io posso capire che se qualcuno dichiara 10.000 chili e poi ne carica 20.000 debba essere sanzionato, ma se la differenza è minima (minimerrima, dell’ordine di pochissimi chili!) non è pensabile che debba scattare la multa.
Sta di fatto che la MULTA la dovrà pagare … lo spedizioniere (in quanto “ultimo” anello della catena!).
E così inizieranno le contestazioni: gli esportatori che, avendo pesato le merci in fabbrica, non accetteranno multe per differenze di poco conto. I trasportatori che, avendo ritirato containers sigillati, non potranno essere responsabili per qualsivoglia differenza. I terminal portuali che, utilizzando pese dell’ultima generazione, riaffermeranno con forza la correttezza delle loro attestazioni di peso!
Mai una norma che semplifichi la vita ai “poveri” spedizionieri.
Sempre più burocrazia, complicanze, responsabilità.
Ecco, fanno bene gli americani che hanno deciso di NON aderire al trattato SOLAS!
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, denuncia, dogana, economia, Politica, riflessioni, Trasporti

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...