Le premonizioni di Umberto Eco

numerozero

avete letto “il nome della rosa” (o, almeno, avrete visto il film!)? In sintesi si tratta della storia di un fanatismo religioso che arriva a punire con la morte chi si dedica al riso, considerato come la debolezza, la corruzione, l’insipidità della nostra carne … Vi ricorda niente? Proprio recentemente (come ci raccontano i fatti di Parigi) il fanatismo religioso si è scagliato contro la satira. Cambia l’epoca, cambia l’ambientazione, ma il concetto di base resta: il passato si ripresenta, seppur con una nuova veste (una nuova religiosità).

Passiamo al “pendolo di Focault”? Due personaggi si scambiano opinioni. Uno dei due sostiene che per avere successo basterebbe scrivere una storia inventata: raccontare che la Maddalena era la moglie di Gesù, che le nozze di Cana erano le loro, che Gesù è scampato alla morte ed ha dato il via ad una discendenza che, grazie alla protezione di una setta segreta (il priorato di Sion), continua ancora oggi. Qualche anno dopo un furbissimo americano scrive “il Codice Da Vinci”.

Vi risparmio le considerazioni sul “Cimitero di Praga” ed il complottismo smisurato che oggi riempie le pagine dei giornali (non di tutti, fortunatamente!).

E veniamo all’ultimo libro: “Numero Zero”. Un giornalista indaga su un’ipotesi legata alla fine di Mussolini: è possibile che sia sfuggito alla morte, lasciando al suo posto un sosia? Ve lo dico io cosa succederà: fra qualche anno un autore (questa volta non americano, ma inglese. D’altronde anche Churchill poteva essere coinvolto nella messa in scena) racconterà con dovizia di particolari la “nuova” storia.

Così, ancora una volta, Umberto Eco sarà stato un precursore. Solo che almeno lui lo dice in partenza che si tratta di invenzioni letterarie. Gli altri invece crederanno ciecamente ai “nuovi” autori.

Fra quanto uscirà il libro sulla “vera storia della morte di Mussolini”?

Sono pronto a scommettere che non passeranno … 1000 giorni (in fondo sono solo tre anni!)

Segnatevi la data

Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Idee, Libri, riflessioni

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...