chiacchiere da bar

accendo la radio in auto (in questi giorni trascorro molto tempo viaggiando) ed ogni tanto (alternando canali “ludici” a canali “seri”) provo a sentire cosa stiano facendo i nostri parlamentari (c’è un canale Rai che trasmette in diretta).
Un giorno si parla di un processo che si concluderà il 30 luglio. Interventi a raffica dei nostri parlamentari, chi a favore, chi contro, ognuno dice la sua … ma alla fin fine si sta parlando di aria fritta.
Un altro giorno si discute su quanto uno di loro ha detto riferendosi ad un’altra di loro (della serie, se le cantano e se le suonano) ed ecco che ci risiamo: interventi a raffica dei nostri parlamentari, chi a favore, chi contro, ognuno dice la sua … ma alla fin fine si sta parlando di aria fritta.
Oggi si discute di un fatto successo più di un mese fa (una questione di spionaggio, non molto chiara). E cosa succede? Interventi a raffica dei nostri parlamentari, chi a favore, chi contro, ognuno dice la sua … ma alla fin fine si sta parlando di aria fritta.
Qualcuno si offende se dico che anche noi, poveri mortali, in questi giorni discutiamo di quei tre argomenti, ma lo facciamo quando siamo al bar, o quando ci ritroviamo “dopo” il lavoro.
Se, anziché lavorare, perdessimo tempo a dire la nostra su uno di quei tre argomenti, avrebbe ragione il nostro datore di lavoro a NON pagarci lo stipendio?
Visto che noi tutti siamo pagati per lavorare, lasciando le chiacchiere da bar … al bar, io dico che quel datore di lavoro avrebbe ragione ad arrabbiarsi.
Visto che NOI TUTTI siamo i datori di lavoro di quei signori che, stando in Parlamento, ci costano un’enormità, non sarebbe il caso che si mettessero a lavorare?
Qui abbiamo un’economia disastrata e disastrosa, una disoccupazione che si sta impennando, famiglie alla disperazione … e quei simpaticoni dei nostri parlamentari discutono di argomenti da bar.
Mi aspetto, accendendo la radio domani, di sentirli parlare della campagna acquisti di una qualche squadra di calcio.
D’altronde, anche questo è un argomento importante (almeno, per chi frequenta i bar!)
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in denuncia, economia, educazione, Politica, riflessioni

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...