Giachino vs Metro

leggo (sul sito dell’onorevole Giachino) una sua lettera (indirizzata alla rivista “Metro”) nella quale lui ribadisce che “le imprese di trasporto sono sovente pagate poco e male e pertanto il Governo Berlusconi, nell’interesse del Paese, ha aumentato gli stanziamenti al settore di oltre 200 milioni anno”
Ecco cosa (a mio modesto avviso) NON bisognerebbe più fare: se un’azienda (di autotrasporto) non è CAPACE di far pagare ai suoi clienti il prezzo giusto, mi sembra ILLOGICO pretendere che intervenga lo Stato.
Allora adesso anch’io mi metto a vendere i miei servizi “sottocosto” e poi, a fine anno, quando avrò i bilanci in perdita, chiederò al Governo di STANZIARE FONDI a mio favore, adducendo come causale il fatto di essere stato pagato poco e male!
Insomma, la questione continua a rivestire un carattere di assurdità totale: quando un autotrasportatore riceve una richiesta da un cliente, il quale intende pagare un prezzo troppo basso, l’autotrasportatore ha un mezzo semplicissimo per evitare di lavorare in perdita.
Basta che dica “NO”.
D’altronde se TUTTI gli autotrasportatori dicessero “NO” a chi propone dei contratti capestro, il problema sarebbe già risolto da tempo (nel resto dell’Europa il problema non esiste! Vi siete mai chiesti “come mai?”).
Paolo Federici

Lascia un commento

Archiviato in denuncia, economia, Idee, riflessioni, Trasporti

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...