Shipping Advisor

uno dei grandi successi “internettiani” degli ultimi tempi è sicuramente Trip Advisor.
Chi viaggia può recensire località, ristoranti, alberghi, compagnie aeree, tour operator … ma anche bar, shopping center, discoteche!
Insomma, tutto ciò che riguarda lo “spostamento” di persone.
Però, nel mondo si spostano anche le merci ed il trasporto è alla base degli scambi (compra-vendite) mondiali.
E per trasportare merci si usano aerei, treni, navi, camion … affidandosi a spedizionieri, trasportatori, compagnie armatoriali, gestori di logistica, distributori, corrieri … consolidatori.
Una marea di aziende che potrebbero essere meglio conosciute e valutate se esistesse un sito web dove trovarle recensite.
Magari si eviterebbero spiacevoli sorprese … e certamente ne verrebbe un aiuto non da poco nel momento in cui una scelta s’impone.
Certamente permetterebbe a tante piccole aziende del settore, che non possono contare su campagne pubblicitarie imponenti ma costose (alla portata, dunque, solo delle multinazionali del trasporto e della logistica) di farsi conoscere meglio e quindi crescere!
Dare anche alle merci la possibilità di giudicare i servizi loro riservati (puntualità, convenienza, affidabilità, etc …) potrebbe essere il classico uovo di Colombo: una facile soluzione al problema che si pone al momento della scelta.
Oggi tanta gente usa Trip Advisor per scegliere il ristorante dove andare a cena: domani si potrà usare Shipping Advisor per scegliere il proprio spedizioniere di fiducia!
Cosa ne pensate?
Paolo Federici

Annunci

2 commenti

Archiviato in economia, Idee, riflessioni, Trasporti

2 risposte a “Shipping Advisor

  1. Guglielmo Marchesi

    Ciao Paolo,
    secondo me è una prassi non applicabile al nostro settore. Del resto è anche abbastanza noto che su questo sito appaiano commenti, rigorosamente anonimi o comunque non rintracciabili, “prezzolati” che cassano o esaltano il soggetto di discussione.
    Guglielmo

  2. caro Guglielmo,
    che su internet molte cose siano “false” è assolutamente vero!
    Per quanto riguarda trip-advisor, i commentatori sono svariati milioni di persone, per cui diventa difficile per i commenti “prezzolati” di avere la meglio!
    Un altro esempio che mi viene in mente è quello di Anobii dove i lettori si scambiano pareri e recensioni sui libri. Anche lì ci saranno i commenti pilotati, ma sono sicuro che per la stragrande maggioranza sono veri!
    D’altronde non è forse vero che la migliore pubblicità è quella del passaparola? E su internet … la parola passa già velocissima!
    🙂
    Paolo

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...