intervista a Qiu Xialong

Qiu Xialongho intervistato Qiu Xialong, ed ecco domande e risposte (così come gliele ho fatte, in inglese, ma subito dopo trovate la traduzione)

something beyond the words makes me thinking you feel homesickness of China. Am I right?
Yes, you are right. That’s why I have kept going back regularly.

many “saying” (like proverbs and aphorisms) are referred to Confucius and many others to Mao Tse Tung. Religion against atheism: which side are you staying?
Confucianism is not a religion. More of an ethical system at the best. On the other side, Mao himself said something about the necessity of having a god–referring to himself. So for your question, I’m at neither side.

it seems you don’t like the new chinese capitalism … but you “escaped” to live in the most capitalistic Country in the world. Any conflict?
People call it “socialism with China’s characteristics.” I don’t know which one is the most capitalistic country in the world today. But Inspector Chen is certainly bothered by the one-Party capitalism with the ever-tightening ideological control, ever-worsening corruption.

inspector Chen is making reference to an European story (the Count of Monte Cristo) to explain the concept of revenge. Why (just to show his literary knowledge! No example in the Chinese literature!)?
Inspector Chen cannot recall a similar example of revenge in the Chinese literature. Why? I don’t know. Also, during the Cultural Revolution, believe it or not, Madam Mao used Count of Monte Cristo as an example, and that’s why people of Chen’s generation had access to the book.

it’s difficult to judge China today, in comparison with the past: what’s your idea, is now worse or better?
Yes, it is difficult. And it is too large a question. In a nutshell, in some aspect, it is getting better, in others, worse.

when you left China and why exactly?
I left China in 1988 as a Ford Foundation fellow. I did not plan to stay in the States. What happened in Beijing the next year made it impossible for me to go back. It’s not a matter of having “escaped” to the States. That’s also why I switched to writing in English.

will you return to China, in future?
When I can write as freely as in English.

I heard that you went to Saint Louis to study the life of Thomas Eliot: he also left his Country to live abroad (he was born american but became british)! Is there any similarity between you two?
I’m a fan of Eliot and I translated his poems into Chinese (my translation will soon have a reprint in China). I’m flattered you have mentioned me in his company. There might be a number of reasons for his choosing to live in England, but I don’t think there’s a political one. If you want to talk about any similarity, there may be one: he, too, was concerned about enlarging the poetry audience. So he started writing plays.

do you believe in fate (or everything is only “coincidence”)?
It’s too simplistic to say everything is only “coincidence.”

RED is the colour reported in most of the “titles” of your books (Death of a RED Heroine – When RED Is Black – RED Mandarin Dress – Years of RED Dust): any special reason for it?
Red is a word with political connotation in Chinese language-revolutionary, politically correct. And today, some top Party officials are urging people to sing “red song” again-revolutionary like those during the Cultural Revolution.

traduzione

leggendo tra le righe dei tuoi libri, traspare la nostalgia della tua casa, in Cina. Ho ragione?
Sì, hai ragione. Questo è il motivo per cui ho continuato ad andarci con regolarità.

in molti come proverbi e aforismi si fa riferimento a Confucio ed in altri a Mao Tse Tung. La religione contro l’ateismo: da che parte ti collochi?
Il Confucianesimo non è una religione. Si tratta di un sistema etico rivolto al meglio. D’altra parte, Mao stesso ha detto qualcosa a proposito della necessità di avere un dio – riferendosi a se stesso. Così, per rispondere alla tua domanda, io non sto da nessuna delle due parti.

sembra che non ti piaccia il nuovo capitalismo cinese … ma sei “scappato” a vivere nel paese più capitalista del mondo. Non rilevi alcun contrasto?
Le persone chiamano “socialismo con caratteristiche cinesi”. Non so quale sia il paese più capitalista del mondo di oggi. Ma l’ispettore Chen è certamente infastidito dal capitalismo gestito solo da una parte politica con il controllo sempre più rigoroso dell’ideologia, che genera anche una corruzione sempre più pesante.

l’ispettore Chen fa riferimento ad una storia europea (il conte di Montecristo) per spiegare il concetto di vendetta. Perché (solo per mostrare la sua conoscenza letteraria? O forse perché non esiste analogo esempio nella letteratura cinese!)?
Per l’ispettore Chen non è possibile trovare un esempio simile di vendetta nella letteratura cinese. Perché? Non lo so. Però durante la Rivoluzione Culturale, credici o no, la signora Mao parlò del Conte di Monte Cristo come esempio, ed è per questo che la gente coetanea di Chen ha avuto accesso al libro.

E’ difficile giudicare la Cina di oggi, in confronto con il passato: qual è la tua idea, oggi è peggio o meglio?
Sì, è difficile. Ed è una domanda davvero troppo grande. In poche parole, per qualche aspetto, si sta facendo meglio, per altri, peggio.

quando hai lasciato la Cina e perché esattamente?
Ho lasciato la Cina nel 1988 come borsista della Fondazione Ford. Non avevo intenzione di rimanere negli Stati Uniti. Ma quello che è successo a Pechino l’anno successivo ha reso impossibile per me tornare indietro. Quindi non è giusto dire che io sia “fuggito” negli Stati Uniti. Ma questo è il motivo per cui sono passato a scrivere in inglese.

ritornerai in Cina, in futuro?
Quando potrò scrivere liberamente, come faccio oggi in inglese.

tu eri andato a Saint Louis per studiare la vita di Thomas Eliot: anche lui ha lasciato il suo paese per andare a vivere all’estero (era nato americano ma poi è diventato inglese!)! C’è qualche somiglianza tra voi due?
Io sono un fan di Eliot e ho tradotto le sue poesie in cinese (una mia traduzione sarà presto ristampata in Cina). Sono lusingato che tu mi abbia paragonato a lui. Ci potrebbero essere diversi motivi per la sua scelta di vivere in Inghilterra, ma non credo che ci sia alcuna ragione di ordine politico. Se si vuole trovare una qualche somiglianza, potrebbe essercene una: anche lui era alla ricerca di un modo per aumentare il pubblico della poesia. Così ha iniziato a scrivere per il teatro.

tu credi nel destino (o tutto è solo una “coincidenza”)?
E’ troppo semplicistico dire che tutto è solo “una coincidenza”.

rosso è il colore riportato nella maggior parte dei “titoli” dei tuoi libri (Death of a RED Heroine – When RED Is Black – RED Mandarin Dress – Years of RED Dust): c’è una ragione speciale per questo?
ROSSO è un parola con connotazione politica in lingua cinese-rivoluzionaria, politicamente corretto. E oggi, alcuni alti funzionari del partito stanno spingendo la gente a cantare “canzone rosse” per ricreare quel clima rivoluzionario della Rivoluzione Culturale.

(Paolo Federici)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in cultura, Libri, recensioni

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...