differenze (piccole .. differenze!)

ho deciso di adottare la “fattura telematica”, così da risparmiare carta, evitare spedizioni postali e puntare sull’immediatezza della trasmissione e della fatturazione.
E così è iniziata l’avventura:
(1) bisogna chiedere l’autorizzazione all’Agenzia delle Entrate, in quanto con la fattura telematica si presenta il problema del “bollo sulla fattura”
(2) spedita la raccomandata con la richiesta il 7 febbraio, finalmente dopo solo 45 giorni arriva la risposta (beh, ci ha messo così poco perché ad un certo punto mi sono attaccato al telefono ed ho cominciato a chiedere a destra e manca di sveltire la pratica, finché qualcuno non mi ha dato retta!)
(3) perché l’autorizzazione diventasse effettiva, è poi bastato pagare anticipatamente una somma pari ad un anno di bollo (calcolato in base all’andamento dell’anno precedente …)
(4) una volta che l’Agenzia delle Entrate ha ottenuto il pagamento riceviamo finalmente l’autorizzazione ad inserire in fattura la dicitura “Imposta di bollo assolta virtualmente ai sensi dell’autorizzazione numero …. etc etc” (una piccola pappardella, insomma)
(5) a questo punto però bisogna chiedere l’autorizzazione alla clientela ad accettare di ricevere la fattura telematica, inviando una specifica richiesta con allegato un modulo
(6) un modulo che il cliente deve controfirmare e rispedirci impegnandosi a stampare su carta la copia di fattura che riceverà per via telematica
Avete letto bene, tutto?
Chiaro vero?
Oggi ho trasmesso quasi 2.000 mail e adesso dovrò aspettare di ricevere e catalogare tutte le risposte, così da sapere a chi potrò mandare la fattura telematica ed a chi no.
Poi, da ora in poi, per ogni nuovo cliente dovrò inviare richiesta specifica per farmi dare l’autorizzazione in merito all’invio della fattura telematica.
Stasera ricevo una mail da un corrispondente estero (anche lui europeo, però!). Anche lui ha deciso di passare alla fatturazione elettronica.
Mi scrive:
To make a further efficiency drive within your and our business processes we have started sending our invoices electronically to our clients as per March 1st 2011. We would like to send our invoices to the correct address(es), therefore please inform us to which email address(es) we can send our electronic invoices in the future.
Notato niente?
Non mi chiede l’autorizzazione all’invio.
Non mi chiede di firmare moduli con impegni qualsivoglia.
Ha solo bisogno di sapere a quale indirizzo mail preferisco ricevere le fatture elettroniche.
Adesso gli chiedo quante domande hanno dovuto fare, quanto hanno dovuto aspettare, quanto “bollo su fattura” anticipato hanno dovuto pagare, quale dicitura devono apporre sulle fatture.
A domani …
Paolo

Annunci

5 commenti

Archiviato in economia, Trasporti

5 risposte a “differenze (piccole .. differenze!)

  1. PaoloFederici

    come promesso, ecco la risposta:

    we did not have to go through all the "red tape" you mentioned. It was just a matter of addressing our clients and ask them for their e-mail address.

    cioè: tutta la burocrazia, i ritardi, i problemi, i costi, le difficiltà … ce le abbiamo solo noi!
    Siamo in Europa ma manteniamo la nostra splendida UNICITA'

    Paolo 

  2. anonimo

    Ma cosa ci aspettiamo in tema di innovazione da un paese in cui il presidente del consiglio parla in pubblico di 'gogle'?….

  3. anonimo

    Sa perchè siamo (noi italici) straordinari ?
    Perchè, come lei fa, ci stupiamo ogni giorno della burocrazia e poi ci vien
    da piangere per la commozione quando il buon Calderoli brucia cataste di
    scatole (VUOTE) con l'annuncio della "semplificazione" avvenuta.
    Non si stupisca, per favore , fa tanto italian chic . E poi… non lamentiamoci che il Berluska chiama  "gogol "  in causa ricordandoci che la  modernità che sbandieriamo è soltanto spocchia.
    Ciao, peppe

  4. anonimo

    Caro Federici,

    Se volessi mandare le mie fatture ai

    clienti in modo elettronico sarebbe un gioco da ragazzi. Naturalmente

    dovrebbero essere firmate digitalmente, con tanto di firma qualificata,

    ma si tratta di un problema tecnico facilmente risolvibile.

     

    Qui (Germania) si comunica con l'intendenza di finanza per email, se c'è un problema

    in una dichiarazione loro prima ti contattano loro e cercano di chiarire

    la cosa. Se si appura che non c'era intenzione di frodo, la cosa si

    chiude con l'invio dei documenti mancanti.

     

    Se si vende l'automobile, l'ufficio della motorizzazione (uso i termini

    italiani, in realtà è il Finanzamt) ti accredita in conto i ratei di

    tassa di circolazione non goduti. NEL GIRO DI POCHI GIORNI.

     

    Attenzione: lo fanno in modo gentile e professionale: ma qui

    controllano: ho subito già tre ispezioni e controlli in pochi anni.

    Tutto a posto, grazie. Non ho pagato penali, che sarebbero state pesanti.

    mi dispiace, ma è proprio così.

     

     

    Io, già piccolissimo imprenditore informatico in Italia,  me ne sono

    andato  venti anni fa  e non ho mai rimpianto  la scelta.  Qualche volta

    rimango stupito a vedere che l'Italia è ancora al palo. Mi dispiace come

    italiano, ma non ci posso fare niente: finchè gli itiliani stessi non si

    sveglieranno. Forse sarà troppo tardi.

     

     

    Ah! Il bollo? cos` è  bollo? Qui è un oggetto sconosciuto, forde c'era

    un paio di secoli fa.

     

    buon lavoro,

    G. Baruzzi

  5. anonimo

    Paolo,
    Ho pubb il tuo post sul mio blog e spero non ti disturbi.
    Ti consiglio di fare na capatina sul sistema che i nostri funamboli hanno messo a punto per lo smaltimento  rifiuti chiamato Sistri http://www.sistri.it/
    Il mio meccanico oltre che essere probabilmente penalmente perseguibile per la malagestione della chiavetta deve sorbirsi e adempiere a 124 (in lettere centoventiquattro) pagine di user guide che ho cercato di leggere, non capire ed ho desistito dopo la terza.
    Mi dicono che per ovviare c'è un allegro sversamento di liquidi "divertenti" in giro per le campagne.

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...