o franza o spagna purché se magna

Mar Mediterraneoquesta frase ha ormai 500 anni, eppure continua a riflettere esattamente il pensiero tutto italiano: l’aveva capito bene Francesco Guicciardini contrapponendo il suo pensiero politico a quello di Machiavelli.
Oggi una notizia relegata a pagina 26 del Corriere conferma come niente sia cambiato, da allora.
“Niente più container in arrivo dall’Asia: si ferma il maxi-porto di Gioia Tauro” è il titolo dell’articolo che spiega la situazione di crisi.
Facciamo un passo indietro?
Angelo Ravano, grande armatore genovese, aveva capito, già più di venti anni fa, la necessità di aprire nuovi porti specializzati nei traffici di “containers” e, contemporaneamente, dell’importanza di quelli dedicati al “transhipment”.
Proprio in quello stesso momento, in Estremo Oriente un porto nato su un’isoletta grande poco più dell’Elba stava investendo sul futuro: quel porto si chiama … Singapore.
In questi venti anni di porti analoghi ne abbiamo visto crescere a iosa, da Dubai a Port Kelang, da Busan e Keelung, da Rotterdam ad Amburgo.
Nel Mediterraneo, geograficamente parlando, la nazione meglio “piazzata” è l’Italia ed un porto nel Sud dell’Italia poteva essere la naturale “porta” d’entrata per le merci in arrivo dall’Estremo Oriente.
Ed Angelo Ravano aveva puntato su Gioia Tauro.
Le navi avrebbero potuto sbarcarci tutti i containers e poi una moderna rete “ferroviaria” ne avrebbe permesso la distribuzione in tutta l’Europa entrando dal basso.
E invece?
Ormai è chiaro che la “battaglia” l’hanno vinta i porti del nord, Rotterdam ed Amburgo in primis.
Ma perché le navi preferiscono fare così tanta strada (anzi, così tanto “mare”) per arrivare fino lassù in alto e poi curare le distribuzione in tutta l’Europa verso il basso?
Il vantaggio geografico dell’Italia è stato vanificato da tre fattori principali:
– l’efficienza tutta nord-europea: mentre a Rotterdam e ad Amburgo le cose, a cominciare dalla dogana, funzionano e sono di aiuto all’economia, qui da noi la dogana è e rimane la spina nel fianco degli operatori del settore
– la rete ferroviaria in continua evoluzione: mentre al Nord Europa si inaugurano nuove linee ferroviarie, in Italia si “dismettono” quelle esistenti, in una politica di risparmio assurdamente autodistruttiva (diteglielo a Bossi, che il “sud” … siamo tutti noi!)
– l’aver continuato a pensare come 500 anni fa (o franza o spagna purché se magna): il porto di Gioia Tauro è stato venduto ai tedeschi (o franza o spagna … o allemagna!) che, già proprietari del porto di Amburgo, avevano tutto l’interesse a disfarsi di un pericoloso concorrente (ma questa “elementare” previsione non è mai stata considerata!)
Oggi, decretando la morte del porto di Gioia Tauro, i suoi proprietari non avranno certo di che lamentarsi: sanno che si tratta di un concorrente in meno per la ricca economia tedesca.
Intanto un’altra multinazionale tutta tedesca sta acquisendo fette di mercato sempre più importanti in Italia, nel settore dei trasporti e delle spedizioni.
Costringendo tante aziende italiane a ritirarsi dal mercato fino a che, fra qualche anno, gli italiani saranno come i dieci piccoli indiani di Agatha Christie (dei quali, alla fine, non ne rimase più nessuno).
Mi sa che quest’anno inizia alla luce del pessimismo, ma anche Don Chisciotte alla fine si è stufato di lottare contro i mulini a vento
Paolo Federici

Annunci

1 Commento

Archiviato in dogana, economia, Trasporti

Una risposta a “o franza o spagna purché se magna

  1. anonimo

    Bell'articolo, ma io alla competizione col nord ci credo ancora e, nonostante che i nostri politici guardino in altra direzione, credo che alla lunga, grazie alla felice posizione della penisola italiana, grazie alle future reti TEN, se attueremo il terzo valico e la pontremolese, potremmo ancora spuntare delle buone fette di mercato. ciao Paolo. Franco MAGAZZU'

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...