CROLLO DEI PREZZI

dovete spedire merce in SudAmerica oppure in FarEast?
Il prezzo che pagavate IERI … oggi non vale più: bastano un paio di telefonte ed ecco pronto chi vi farà pagare di meno!
Dovete importare merce dal SudAmerica oppure dal FarEast?
Idem: il prezzo che pagavate IERI … oggi non vale più: bastano un paio di telefonte ed ecco pronto chi vi farà pagare di meno!
Cosa significa?
Semplicemente che molte aziende del settore trasporti e spedizioni sono alla canna del gas … e pur di resistere ancora un po’ SBRAGANO accettando di farsi pagare qualsiasi prezzo (senza assolutamente valutare i costi).
Eppure la matematica è una scienza esatta.
O forse no?
Un esportatore aveva spedito merce nelle Filippine, pagato regolarmente lo spedizioniere, gestito l’operazione secondo tutte le modalità note.
Solo che, una volta arrivata a destino, per qualche strano motivo la merce NON poteva essere sdoganata/consegnata all’importatore.
Chiama, scrivi, parla, discuti … e intanto passa il tempo.
Finalmente la pratica arriva nelle mie mani (sì, visto che io scrivo molto e sono considerato persona “addentro” al settore … hanno chiesto il mio “aiuto”).
Elementare Watson, quello spedizioniere non aveva pagato il vettore e quindi la merce era bloccata in attesa del pagamento.
La faccio breve: per sbloccare la situazione ci sono voluti mesi ed alla fine l’importatore ha dovuto pagare uno sproposito quale somma relativa a soste e detention, che, naturalmente si è fatto rimborsare dall’esportatore.
Ecco, l’esportatore aveva risparmiato forse una ventina di euro (scegliendo uno spedizioniere che era “quello più a buon mercato”) e poi ne ha ripagato un migliaio per tutti i “casini” che ne sono derivati.
Lo so, voi pensate: “a me una cosa del genere non succederà mai!”.
Ma se vi affidate a chi vi fa pagare TROPPO poco, il rischio c’è, eccome.
Volete un consiglio?
Fate i conti in tasca (come suol dirsi) al vostro fornitore: se vedete che i suoi prezzi sono “folli”, preoccupatevi!
Meglio spendere qualcosa in più, ma dormire sonni tranquilli.
In fondo, lo dicevano anche i nostri nonni: “chi più spende meno spende”.
Paolo Federici

Annunci

5 commenti

Archiviato in riflessioni, Trasporti

5 risposte a “CROLLO DEI PREZZI

  1. anonimo

    Buona considerazione, purtroppo alcuni pur di risparmiare assumono il rischio, quindi dobbiamo stare attenti alle tasche nostre, ma anche a quella del mercato.Occhio al mercato in concorrenza perfetta.!!!!!L.A.

  2. PaoloFederici

    il vero problema è che così facendo … si penalizzano le aziende serie!Per cui quelle "traballanti" crolleranno miseramente.E quelle "serie" saranno trascinate nel crolloIl "mercato", purtroppo, è un pessimo giudice!Paolo 

  3. anonimo

    Caro Paolo, mi fai un po' di chiarezza circa oggetto del BLOG.Mi spiego meglio non si riesce a capire come mail alcuni spedizionieri applicano l'iVA su voci come Terminal Handling charges o sul famoso scarico/ricarico allo svuotamento, etc, etc,  mentre altri non lo fanno assolutamente ?Grz per Tua spiegazioneGianluca

  4. PaoloFederici

    caro Gianlucaintanto grazie di leggermi …!La questione dell'IVA l'ho affrontata anni fa: visto che la legge non era chiara (e oggi, poi, è ancora peggio!) ad evitare rischi e/o problemi ho deciso di fatturare sempre e tutto con IVA.La spiegazione dettagliata del perché e percome … la trovi qui:http://www.fortuneitaly.it/site/news.asp?id=45Paolo 

  5. anonimo

    Grazie Paolo, molto istruttiva anche se la chiarezza da parte degli organi competenti e' altra cosaUna buona giornataGianluca

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...