un mandarino per Teo

ricordo di aver visto, tanti anni fa, un’opera teatrale che raccontava la storia di Teo. Qualcuno chiese a Teo se volesse diventare ricco. Alla – ovvia – risposta positiva, gli fu detto che bastava premere un bottone. Solo che, contestualmente, in Cina un mandarino sarebbe morto. Teo (pensando: chissenefrega dei cinesi!) preme il bottone e dopo qualche giorno gli comunicano che un mandarino cinese è morto, lasciandolo erede delle sue ricchezze. Sembra trattarsi di una pura coincidenza, eppure …!
Beh, oggi sta succedendo qualcosa di analogo: basta “comprare” qualcosa prodotto in Cina e – voilà – un posto di lavoro “italiano” viene chiuso.
Le aziende “italiane” continuano a delocalizzare e, contestualmente, a licenziare.
E noi, come se niente fosse, continuiamo a comprare (con la scusa che così risparmiamo!) quanto è stato prodotto grazie alla delocalizzazione ed alla globalizzazione, intanto, intorno a noi, i licenziamenti fioccano.
Sembra non esserci alcun collegamento, solo coincidenze.
O no?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in riflessioni

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...