OK … IL PREZZO E’ GIUSTO!

in questi giorni i negozi si riempiono, la gente fa gli ultimi acquisti prima delle feste.

Ho notato che quando si entra in un negozio ci si trova di fronte ad una serie di prodotti con il loro bel cartellino del prezzo.

A nessuno viene in mente di prendere un vestito (ad esempio) avvicinarsi alla cassa e dire:

"vedo che qui c’è scritto 100 euro. Però nel negozio di fronte i vestiti li vendono a 50, mi fa 50 anche lei?"

Se qualcuno facesse una domanda del genere, la commessa lo guarderebbe attonita accertandosi che non abbia statuette del Duomo da lanciare. Perché solo uno fuori di testa può pensare di "trattare" il prezzo come si fa con i senegalesi che vendono borse false o come, molto più spesso, si fa con le aziende che gestiscono trasporti!

E’ questo il mio cruccio di fine anno: continuo a domandarmi perchè nel nostro settore dobbiamo farci trattare come quei poveracci che vivono alla giornata?

Perché avere un’azienda (magari con qualche decina di dipendenti, magari sulla piazza da qualche decina di anni) non deve essere considerato e rispettato come capita al negoziante che vende le sue merci con competenza e professionalità?

Possibile che "il prezzo" debba essere la discriminante unica e assoluta quando si deve scegliere a chi affidare le proprie merci per farle arrivare dall’altra parte del pianeta?

"Sai, noi siamo stati approvati A.E.O. dalle autorità doganali! Su quasi 20.000.000 di partite iva in Italia, finora siamo solo 170. E nel nostro particolare settore siamo gli unici in assoluto!"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Noi abbiamo un sito web interattivo, così che non devi perdere tempo al telefono: puoi controllare tariffe, partenze, stato della spedizione …"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Le persone che gestiscono le spedizioni nel nostro ufficio hanno un’esperienza più che decennale, maturata sul campo: hanno iniziato con noi e conoscono tutte le problematiche che si possono verificare …"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Il nostro mercato principale è il Giappone: lo sai, vero, che i giapponesi sono fanatici della precisione e del servizio. Se ci hanno scelto … un motivo ci sarà!"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Da un paio d’anni abbiamo sviluppato il mercato del Brasile: un paese in evoluzione. Riusciamo a garantire il servizio settimanale sia import che export"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Poi sono anni che ci battiamo contro il malcostume del sistema cinese. Finalmente abbiamo convinto qualche "cinese" a lavorare secondo principi di moralità sconosciuti ai più"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Operiamo anche su tutta una serie di Paesi del Nord-Africa"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Garantiamo il servizio anche quando non abbiamo merce sufficiente per caricare un intero container, grazie agli accordi che abbiamo, fin dal 1991, con il porto di Rotterdam"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Sono anni che non andiamo in rosso con le banche e paghiamo i nostri fornitori senza mai ritardare …"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Abbiamo investito sempre e comunque gli utili realizzati. Anche se, pagate le tasse, non è che ci sia da scialacquare"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"E’ triste vedere che altri fanno prezzi più bassi e poi dichiarano bilanci in perdita, licenziano o richiedono la cassa integrazione … e, non facendo utili, non pagano tasse. Solo che quello che non pagano loro … lo paghiamo tu ed io"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Negli ultimi anni non abbiamo avuto nè un danno, nè una perdita di merce, nè un reclamo … insomma cerchiamo di metterci tutta l’attenzione possibile per gestire al meglio ogni singola spedizione"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"La nostra azienda è impegnata anche a livello associativo: siamo iscritti all’albo, abbiamo depositato le cauzioni richieste, abbiamo i permessi della questura in ordine, partecipiamo alle commissioni di settore per affrontare e risolvere i problemi nel comune interesse"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Stiamo pressando la dogana perché migliori i suoi servizi innalzandoli ai livelli nord europei. Stiamo intervenendo per risolvere i nuovi problemi burocratici, ad esempio cercando di far abolire la scheda di trasporto."

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"I nostri agenti esteri sono quanto di meglio esista nei vari Paesi con i quali collaboriamo. Dietro ogni scelta ci sono anni e anni di esperienza. Insomma, l’affidabilità è garantita!"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Ma c’è qualcosa che posso fare per convincerti che le mie tariffe sono eque? Il fatto che altri decidano di far pagare di meno … non significa che le mie tariffe non siano giuste. Magari sono loro che sbagliano a fare i conti e prima o poi se ne accorgeranno. Magari vogliono solo aumentare il fatturato … riempiendosi poi la bocca. Vuoi mettere poter dire che si fatturano 30 milioni di euro … quando invece io ne fatturo solo 3! Oppure poter dire che si muovono 150.000 metri cubi di merce … quando invece io ne muovo solo 15.000! Che poi loro perdano qualche decina di migliaia di euro … mentre io qualche decina la guadagno, questo che importa? Non è mica un tuo problema, vero? Tu vuoi solo pagare di meno …!"

"Sì, ma il tuo prezzo è più caro di quello di ***"

"Appunto, buonanotte!"

Ecco, qualsiasi discorso si cerchi di fare, qualsiasi motivazione si porti, il cliente chiede una cosa sola: "il prezzo più basso".

E, purtroppo, nella giungla che si è creata, non c’è niente di più facile da trovare.

Meno male che non la pensano tutti così, altrimenti non si spiegherebbe come anche quest’anno i fatti ci diano ragione: alla lunga la serietà, la professionalità ed il prezzo "giusto" pagano, eccome.

Sono stati quasi 800 gli spedizionieri che, nel 2009, si sono affidati ai nostri servizi.

Certo, avrebbero potuto essere il doppio, se solo avessimo accettato di far pagare, per i nostri servizi, i prezzi di altri.

Ma, finché troviamo chi sa apprezzarci, continueremo a chiedere di pagare i nostri "giusti" prezzi.

E chi è alla ricerca del prezzo più basso può continuare a cercare … altrove! 

Paolo Federici
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in economia, Idee, riflessioni, Trasporti

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...