sempre più difficile lavorare nel settore “SPEDIZIONI”

forse è proprio destino che lo spedizioniere debba sparire! D’altronde se TUTTI quanti gli sono contro, vuol dire che non c’è proprio futuro.

Gli autotrasportatori reclamano, considerano lo spedizioniere un "intermediario" che lucra sulla loro pelle, quindi chiedono a viva voce l’abolizione di quella specifica figura professionale (come se i muratori chiedessero l’abolizione dei geometri, insomma!). 

Ed il Governo (vivendo perennemente sotto ricatto: ha appena deciso di pagare 300 milioni di euro alla categoria degli autotrasportatori per tenerli buoni ed evitare uno sciopero!) è intenzionato a far diventare legge proprio quella richiesta, per quanto assurda.

Intanto si sono inventati la "scheda di trasporto", i cui scopi sono due:

(1) rendere impossibile la vita allo spedizioniere, chiamato a compilare un documento ancora oggi incomprensibile (ormai non si contano più le circolari esplicative. L’ultima è attesa prima di Natale!)

(2) permettere alla concorrenza (leggi: autotrasportatori) di conoscere nominativi ed attività della clientela, così da potersi indirizzare direttamente all’utenza e togliere di mezzo lo spedizioniere (sempre per rifarsi all’esempio di prima, come se i muratori volessero sapere – per legge! – i nomi dei committenti dei geometri, così da proporsi quali contraenti privilegiati con gli utenti!)

Poi hanno spedito l’ANTITRUST a controllare i conti degli spedizionieri alla ricerca di improbabili accordi di cartello, mentre – esattamente nello stesso momento – il cartello viene approvato per legge per la categoria degli autotrasportatori e le tariffe stabilite a livello ministeriale. E’ credibile una legge che rende LEGALE per una categoria ciò che, contemporaneamente, dichiarato ILLEGALE per un’altra categoria dello stesso settore di servizi?  

Ma tutto questo non basta ancora: dal prossimo primo gennaio anche gli spedizionieri dovranno farsi parte diligente e compilare i modelli INTRASTAT che, finora, erano di pertinenza solo di chi importava o esportava merce in ambito Europeo. Quindi una nuova gabella alla quale sottostare, nuovi costi da sostenere, così, mentre il mercato chiede di ridurre i prezzi … gli spedizionieri dovranno, obtorto collo, aumentarli.

Meditate gente, meditate!

Paolo Federici

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Trasporti

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...