Contributo di solidarietà

ho ricevuto una lettera da uno spedizioniere mio cliente (con allegata la fattura) che mi chiede un contributo di solidarietà pari al 3 per cento di quanto io gli ho fatturato nei primi sei mesi del 2009

Intanto, non è che mi chiede se posso dargli una mano … ma mi emette bello bello la fattura!

Per un bel 356,88 euro …!

Poi … mi dice papale papale che se non accondiscendo ad accettare la loro proposta sarà difficile continuare a lavorare (a casa mia si chiama ricatto!)

Io vorrei andare dai carabinieri e denunciarli per TENTATA TRUFFA o TENTATA APPROPRIAZIONE INDEBITA … anche perché NON solo hanno calcolato il 3 per cento su quanto gli ho effettivamente fatturato (2.275,30 euro al 3 % significherebbe euro 68,25) ma anche su DAZI ed IVA pagati per loro conto allo Stato Italiano e girati alla pari (con addebito art. 15, che significa somme pagate per conto … quindi senza un solo euro di guadagno per noi: si tratta di 9.620,74 euro che al 3 % significa EURO 288,63) … infatti ci addebitano euro 68,25 + 288,63 = 356,88

Di questa società ne ho parlato tempo fa in questo stesso mio blog (senza nominarla!): come spiegavo, a fronte di un fatturato di 365 milioni di euro nel 2008 quella azienda ha chiuso il bilancio con una perdita di 2 milioni di euro!

Ecco dunque che basta chiedere un CONTRIBUTO di solidarietà del 3 per cento ai fornitori (che nel primo semestre 2009 gli hanno fatturato circa 100 milioni di euro, quindi il contributo di solidarietà si assesta intorno a i 3 milioni di euro) e voilà … i due milioni di perdita diventano UNO di utile!

Elementare, Watson

Paolo

Annunci

50 commenti

Archiviato in denuncia, Trasporti

50 risposte a “Contributo di solidarietà

  1. anonimo

    che pirla che sono…..non ci avevo pensato !!!!
    adesso mando la stessa richiesta ai miei fornitori…certo
    non fatturo quelle cifre…ma magari mi viene fuori il conto
    per i 4 gg. che ho prenotato in montagna

    Caro Paolo..se questi post non li scrivessi tu (quindi certi)
    si farebbe fatica a credere.

    Dario

  2. PaoloFederici

    Dario
    ma sai qual è la cosa davvero comica?
    Che ho controllato in contabilità e "quella" società ha "gestito" degli arrivi di merce a me destinata e quindi mi ha fatturato … per i suoi servizi.
    Quindi io adesso gli dico che sono assolutamente d’accordo a pagargli il 3 per cento … e che mi aspetto altrettanto da loro, così alla fine se loro mi hanno fatturato 356 euro io gliene fatturerò almeno 500 ed alla fine mi ritroverò ad averci guadagnato!
    Lunedì ti mando copia della lettera e della fattura … perché anche se è incredibile è assolutamente vero! 
    In fondo, lo dicevamo in tempi non sospetti: una risata li seppellirà!
    Paolo

  3. anonimo

    Poalo,

    per quale motivo non fai il nome della societá ? 

    Ciao
    Carlo

  4. PaoloFederici

    Carlo
    perché in Italia … a dire la verità si rischia la denuncia per diffamazione!
    E siccome già una volta mi è successo … adesso, purtroppo, ci vado con i piedi di piombo.
    😦
    Però ho anche scritto a "quella" ditta chiedendogli: "cos’è … uno scherzo?"
    Vediamo cosa mi rispondono

  5. PaoloFederici

    e comunque non è difficile "scoprire" di chi si tratti:
    http://paolofederici.splinder.com/post/20674559/
    :-)
    Paolo

  6. anonimo

    queste cose ci sono sempre state. Mi ricordo di un grosso, grossissimo cliente della società per la quale lavoravo, richiedere non un contributo di solidarietà, ma uno sconto per "pronta cassa" su una fattura a 120 gg. fine mese, il cui pagamento era stato già ritardato di altri 4 mesi. Sono le gioie della concorrenza; quando ci sono altri 5 o 10 potenziali fornitori pronti ad "entrare", si abbozza, figliolo, si abbozza.

  7. PaoloFederici

    immagina di incaricare il tuo commercialista di pagare le tue tasse: gli consegni 20.000 euro e lui li versa allo Stato. 
    Poi … visto che l’hai fatto lavorare, gli chiedi di "rimborsarti" il 3 per cento di quei 20.000 euro.
    Se ti prendi un bel "vaffa" … te lo sei meritato, non credi?
    Comunque: quel mio cliente NON è un mio cliente (nel senso che NON è stato lui ad affidarmi del lavoro, ma lui è solo intervenuto come "pagatore" per conto terzi).
    Quindi io, anche mandandolo a quel paese, non perdo nessun cliente ..!

    La cosa "assurda" è che lui adesso ha emesso fatture per 3 milioni di euro così ha ripianato il bilancio.
    Se anche "tutti" lo mandassero a quel paese … comunque le fatture restano e potranno solo essere compensate con l’emissione (quando?) di note di credito a storno.
    Poiché in tanti quando ricevono una fattura … la registrano senza nemmeno controllare, per male che gli vada un bel 50 per cento lo porta a casa comunque.
    Paolo

  8. PaoloFederici

    un ulteriore indizio:
    OGGI il loro centralino è bollente!

    E so con certezza di NON essere la sola … vittima della genialità del direttore finanziario di QUELLA azienda

  9. anonimo

    Caro Paolo,
    confermo tutto quello che hai affermato, sono entrato in contatto con un clliente della "famigerata e innominabile" azienda (che oramai con tutte le fatture che ha emesso è arci nota), questo cliente fa circa un milione di fatturato con loro di deposito e distribuzione, proprio settimana scorsa mi hanno detto che la mia offerta è più cara del 30% rispetto all’attuale fornitore…….
    a prescindere che mi viene da ridere perchè se l’attuale fornitore facesse pari e patta tra costi e ricavi con l’attività di questo cliente, io avrei mirato ad un margine del 30%…..ma credo che gli ultimi avvenimenti siano auto esplicativi.
    spero che la notte mi porti consiglio su come far partecipe questo potenziale cliente dei rischi che corre ad affidare la propria distribuzione ad un’azienda che attua queste politiche commercialei
    un caro saluto

    Emanuele

  10. PaoloFederici

    e adesso ho anche nome e cognome del "genio"!
    Sì, il GENIO … colui che ha inventato "sta strunzata", insomma.

  11. anonimo

    CIAO PAOLO.
    ……… NON …………… HO ………….. PAROLE.
    COME FACCIO A CONTROLLARE SE ANCHE IO HO RICEVUTO UNA SIMILE FATTURA SE NON CONOSCO MICA IL NOME DI QUELLA SPETTABILE DITTA?
    —–> SE TU POTESSI DIRMELO …..
    ————-> PER EVITARE PROBLEMI, SENTI IL TUO AVVOCATO SE PUOI RENDERNE NOTO IL NOME, MICA CHE POI, OLTRE A QUELLO CHE STAI SUBENDO, TU POSSA BECCARTI ANCHE UNA DENINCIA PER DIFFAMAZIONE ….
    IL MONDO VA COSI’:
    MI RISPONDI, COMUNQUE? ………..
    CIAO E TIENI DURO.
    BUCC

  12. anonimo

    Buon giorno,
    a noi è stato richiesto un contributo di EURO. 2000 inquanto il cliente ha cambiato sede ed ha rinnovato gli stabilimenti.
    NON HO PAROLE
    Cordiali saluti
    Angelo

  13. anonimo

    è incredibile che avete solo il coraggio di raccontare l’ingnobile fatto ma nessuno ha le palle di dire il nome !! ma chi è ? jas ,shenker , albini ?? di cosa avete paura ? sono società come quelle che stanno affondando tutte le altre !! sono loro che propongono tariffe sottocosto ai clienti rovinando il mercato ( tnto loro si possono permettere di uscire ogni anno il perdita di milioni ….) e allora qual’è il problema ?? stamane ho ricevuto via mail il messaggio del tuo blog e sinceramente mi sono stupito che una persona che ha tempo e voglia di avere un blog e avere voglia di denunciare fatti non corretti si sia fermato davanti ad un nome ! questa omerta non favorisce miglioramenti .

    saluti 

    claudio zavardino ad Air Ocean Cargo SpA  

  14. PaoloFederici

    caro Claudio
    evidentemente NON mi conosci bene!
    Due anni fa ho fatto UN nome … e mi sono trovato una richiesta di danni per 400.000 euro, poi trasformata in azione legale per 50.000 euro e poi decaduta. Però intanto ho dovuto nominare un legale e "battermi"!
    Un anno fa ho fatto UN altro nome … e mi sono trovato un avviso di garanzia: ero indagato sulla base dell’art 395 (diffamazione). Poi quella ditta è fallita e la "causa" contro di me è stata archiviata.
    Quattro anni fa avevo fatto UN altro nome ancora  … e mi sono trovato il sito "bloccato" perché il "nominato" si era rivolto al Tribunale chiedendo la chiusura del sito. Ho dovuto "cancellare" alla svelta il nome, altrimenti il mio sito sarebbe morto.
    Due anni fa ho fatto UN quarto nome … e mi sono trovato una lettera/denuncia da un facoltoso studio legale. 
    Capisci che una cosa è certa: in Italia FARE I NOMI … è reato.
    Quindi, finché NON cambia la legge, io non me la sento di continuare a rischiare di rimetterci di tasca mia solo per aver MESSO IN GUARDIA dalle truffe!
    Mi hanno già scritto in tanti che hanno ricevuto FATTURE analoghe da quella stessa società, quindi mi sembra il segreto di Pulcinella.
    Se sei disposto a PAGARE tu eventuali spese legali che dovessi sostenere per aver fatto il NOME … io lo faccio subito!
    Insomma, prima di CONTESTARE il mio comportamento sarebbe il caso di documentarsi e rendersi conto di quali siano i problemi dell’informazione in Italia
    Paolo 

  15. anonimo

    grande paolo,sempre al top!

  16. anonimo

    caro federico ,
    hai ragione io non ti conosco affatto , e rispetto moltissimo il tuo impegno ma come diceva mia nonna " male non fare paura non avere " se è vero cio’ che dici non devi temere la verità e sarei disposto ad aiutarti laddove la tua libertà di espressione venisse meno da stupide intimidazioni .Al riguardo potrebbe essere utile convolgere uno studio legale che possa supportarti senza gravarti di costi ( sentiro’ eventualmento il mio studio ).

    grazie claudio

  17. PaoloFederici

    Claudio,
    ho già parlato con il mio avvocato, che mi ha scritto: 
    Allucinante!
    Respingila via fax e chiedi emissione di nota di credito.
    Per la denuncia fai tu, io penso che sia solo una perdita di tempo.

    Come vedi … non sono rimasto con le mani in mano!
    Avrei potuto respingere la fattura e fregarmene di tutto: invece sono qui ad INFORMARE per evitare che altri cadano nella trappola!
    Paolo

  18. anonimo

    Ciao Paolo spero tutto bene….
    Be’ che dire di fronte a questi disgraziati……se ne inventano una tutti i giorni, la crisi non ha limiti, bisognerebbe che qualcuno chiudesse invece di cercare di stare in piedi inventandosi ruberie e quant’altro.
    Spero che con la crisi in atto restino in piedi solo le aziende serie che hanno sempre lavorato senza inventarsi cose strane e disoneste come il tuo cliente.
    Un caro saluto. 
    Marco   

  19. anonimo

    dai carabinieri solo non basta
    bisogna andare anche nella sede del consiglio dei ministri
    per togliere il sorriso a BM secondo
    e a Tremonti quell’aria di cane bastonato che ha sino a che 
    non parla….si perche quando invece parla sembra sempre piu
    compiaciuto di tutte quelle nozioni che ha appresso all’università….
     

  20. anonimo

    Caro Paolo,
    a parte respingere la fattura, la cosa importante è fornire i dati dell’azienda con relativa fattura e magari, segnalare la cosa alla Magistratura per rilevare eventuali illeciti penali. Simili comportamenti sono, non solo esecrabili, ma rappresentano una sorta di concorrenza sleale nei confronti dei concorrenti che potrebbero essere tentati di seguirne l’esempio.
    Antonio

  21. anonimo

    B.GIORNO,
    SIAMO PERFETTAMENTE D’ACCORDO.
    PURTROPPO LA GIUSTIZIA ITALIANA E’ QUELLA CHE E’ E LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PURE,  QUINDI IN QUESTA GIUNGLA NON C’E SPERANZA E NESSUNA VIA D’USCITA………..

    SIAMO VERAMENTE RAMMARICATI PER  QUESTA OPERAZIONE CHE POSSIAMO SOLO DEFINIRE IMMORALE.

  22. anonimo

    ahimè, i GRANDI non fanno solo questo..

    😦

  23. anonimo

    Caro Paolo
    esatto e anche piu’ alta della tua!!!!!!!!!!!!!
    Se ne parla giovedì quando ci vediamo
    Massimo

  24. PaoloFederici

    grazie a tutti per i commenti che stanno fioccando!
    A questo punto, visto che in tanti me lo chiedete, posso dire che la fattura è stata emessa da FERCAM.
     
    Ai quali ho già chiesto sia la nota di credito che una lettera di scuse!
    Paolo 

  25. anonimo

    Paolo, ma chi sono questi f…. .. …….?
    Vorrei saperlo in modo di agire come per l’aids (se lo conosci lo eviti).
    Rispondigli che effettivamente le tue tariffe non sono adeguate ai tempi e che hai bisogno di un contributo di solidarietà del 10% di quanto gli hai fatturato negli ultimi tre anni.
    Altrimenti si rivolgano pure altrove; e dopo una bella pubblicità che faremo tutti vedremo chi lavorerà ancora con loro. Comunque una denuncia per estorsione la meriterebbero ………………….
    Adriana

  26. anonimo

    Non ci credo… esiste veramente questo contributo?!
    o rifatturerei l’importo alla stessa…
    cmq, con 379 euro al mese di noli non mi sembra quel gran cliente da accontentare ad ogni costo…no ?
    un bel “return to sender” ? J
    M

  27. PaoloFederici

    ricevo da un "amico" copia della sua lettera di risposta ad analoga richiesta da lui ricevuta dalla stessa "azienda":

    in allegato vi ritorniamo in originale la vostra lettera unitamente alla vostra fattura che è fasulla, non è stata autorizzata e non ci riguarda.
    Vi preghiamo quindi di volerla immediatamente annullare con regolare nota di accredito, riservandoci ogni ulteriore azione a tutela dei nostri nteressi.
    Dato che vi definite un leader nel mondo della logistica, dovreste essere voi a dare un contributo alle piccole e medie imprese, che avete contribuito ad affossare, applicando tariffe estremamente basse, e quindi cercare un eventuale risanamento aumentando i prezzi e la qualità del servizio

    Non credo servano commenti!
    Paolo 

  28. PaoloFederici

    adesso mi sono proprio … arrabbiato.
    Ho scritto al direttore finanziario di Fercam:

    egr sig Kremer
    ho già più e più volte SOLLECITATO ai vs uffici l’emissione della nota di credito a storno della fattura 154810 da voi arbitrariamente emessa senza averne alcun titolo.
    Qualora non la ricevessi ENTRO DOMANI è mia intenzione recarmi dai CARABINIERI e fare denuncia contro di VOI, come riportato sul mio blog che Le consiglio vivamente di leggere: ci troverà dei commenti altamente edificanti.
    Conto ricevere anche una LETTERA DI SCUSE per il vostro "incredibile" comportamento
    Paolo Federici

  29. anonimo

    Caro Paolo bg,
     
    approvo la tua indignazione! 
    ma bisognerebbe fare di piu in concreto e di piu spiacevole come risposta a simili atti:
     
    se ti rivolgi alle Forze dell’ Ordine questi potrebbero non ravvisare  alcun estremo di minaccia nei tuoi confronti, ne’ alcun tentativo di frode a danno all ‘ Erario,  tutt’ al piu’ il tentativo di adddebitare a te, lui guadagnandoci, una parte di tasse che comunque i contribuenti finali suoi clienti avranno regolarmente versato;
    il reato sarebbe sen’zaltro riscontrabile se si appurasse che il tuo "cliente" spedizioniere restituisce o abbia gia restituito soldi ai suoi clienti diretti, a causa degli storni ottenuti o che va ottenendo e per i quali  ti stai dolendo per esserne un obiettivo.
        
    credo si dovrebbe piuttosto comunicare alla Fedespedi il nome di chi ti ha rivolto tale invito, in copia a tutti i colleghi che conosci e che stimi ed a tutti gli operatori transitari come me che possono rischiare di andare soggetti a simili richieste "capestro" operandoci insieme;  ti assicuro che  tre anni fa ne ho gia subita una analoga da un grosso spediz. milanese;
    per la verita’ ne andrebbe fatto conoscere il nome anche a ciascuno dei propri clienti diretti, che potrebbero un giorno  utilizzare tali fornitori cosi’ scorretti nella concorrenza.
     
    un cordiale saluto
    Mauro Cambiaso 

  30. PaoloFederici

    ore 10.45
    è arrivata la NOTA DI CREDITO a storno totale della fattura!

  31. anonimo

    Buongiorno Paolo

    la cosa ha davvero dell’incredibile !
    In questo modo è davvero facile per la Fercam rimanere sul mercato a spese di altre società
    sane ed operose.

    Io credo che dovresti rivolgerti alle associazioni di categoria segnalando la illegalità di quanto
    ti viene richiesto in modo da tutelarti e tutelare anche gli eventuali altri caduti nello stesso
    "giochino".
    Ovvio anche che un ricorso ad un vs.avvocato sarà ancora meglio.

    Cordiali saluti

    Nedo Giunti

  32. anonimo

    Molto bene –  
    complimenti a Paolo Federici
    in questo momento di  crisi  per tutti bisognerebbe documentare nel nostro mondo ogni singolo “segno premonitore” per fare terra bruciata  intorno a questi personaggi, con dati di fatto documentabili, come in questo caso e certamente non infamanti da attrarre  “denunce  o  querele”
    magari una volta tanto facendo quadrato tra di noi evitiamo che sopravvivano i  “rincoglioniti/invasati” e diamo una mano a quelli che pur in difficoltà mantengono alto il profilo delle loro aziende con un “etica professionale”  di lontana memoria.
    Piermario Bottasini

  33. anonimo

    ciao Federici,
    certo che con un bel po’ di fatture di questo tipo si sanano i bilanci del 2009 ….  poi nel 2010 si fanno gli accrediti
    e poi …. si vedrà .. l’anno è lungo …
    furbetti! ecco perchè ci sono tempi tecnici per la n/credito.
     
    Roberto Castiglioni

  34. anonimo

    Grazie Paolo,
    credo che sia utile respingere al mittente queste proposte oscene perché se i ns. clienti dovessero pensare di appoggiarci a noi per sistemare i loro bilanci staremmo veramente freschi.

  35. anonimo

    Questa e’ roba da denuncia o da class action e farli chiudere. Mi spiace non essere tra le vittime della Fercam perchè mi sarei divertito a fargli causa . Questi si danno " ambiziosi obbiettivi " a spese degli altri !!! incredibile !
    ciao Ivo
     

  36. PaoloFederici

    grazie a tutti.
    Oggi mi sento un po’ meno solo nella battaglia.
    Paolo

  37. anonimo

    Grande!!!!!!! E questi si divertono a sputtanare il mercato con tariffe incredibili…………Grandi ambizioni e bei riscontri….soprattutto a livello di immagine visto che loro ci tengono tanto….

  38. anonimo

    se la politica tariffaria estremamente aggressiva e scorretta dei grandi ( DHL , JAS e affini) fosse arginata, staremmo tutti meglio e si lavorerebbe di più e con meno angoscia….
    G.

  39. anonimo

    Paolo ciao,
    pazzesco.-
    Pero’ mi hai dato una idea ……!!!!!!
    Ciao
    Franco

  40. PaoloFederici

    un "grosso" importatore deve far arrivare decine di containers dalla Cina ed ha chiesto un’offerta a 10 spedizionieri
    Poi ha preso la più bassa (fatta dallo spedizioniere che chiameremo "uno") … e l’ha girata agli altri 9, chiedendo cosa intendessero fare!
    Uno dei nove (che chiameremo "due") ha riveduto l’offerta al ribasso, offrendo uno "sconto" del 20 per cento.
    Il "cliente" ha rifatto il giochino: ha preso la "nuova" offerta più bassa e l’ha passata agli altri …
    Uno (che chiameremo "tre") ha riveduto l’offerta al ribasso proponendo un ulteriore 10 per cento di sconto ed impegnandosi a mantenere il prezzo valido fino alla fine della primavera, rimettendoci di tasca propria qualora il mercato dei noli marittimi (e/o delle addizionali di caf/baf) subisse degli aumenti.
    Finché ci sarà chi è pronto a fare qualsiasi lavoro PERDENDO qualsiasi cifra, non ne verremo mai a capo.
    Stavolta NON chiedetemi i nomi, però!
    Posso solo dire che nei commenti che arricchiscono questo "topic" gli spedizionieri "uno", "due" e "tre" … ci sono tutti tre!
    Paolo

  41. anonimo

    Questa proposta a Bolzano si chiama "contributo di solidarietà"
    a Palermo "Pizzo"

  42. PaoloFederici

     in effetti volevo intitolare l’articolo:
    anche a Bolzano si paga il pizzo … ma con fattura!

  43. anonimo

    Adesso capisco come fanno a quotare sottocosto pur di prendere il cliente.
    Iniziativa di . . . Grande profilo a scopo umanitario per un fine ultimo del tutto personale !

    Con i migliori saluti

    Giorgio

  44. PaoloFederici

    e adesso ho "scoperto" che l’avermi addebitato il 3 per cento sui DAZI pagati per loro conto NON è stato un errore!
    Lo hanno fatto anche con MOLTISSIMI altri (che mi stanno contattando, in privato, per segnalarmelo).

  45. PaoloFederici

    articolo tratto da "ALTO ADIGE" http://altoadige.gelocal.it/

    Fercam, tagli ai fornitori I padroncini protestano
    Alto Adige — 17 novembre 2009   pagina 09   sezione: ECONOMIA
      BOLZANO. Brutta sorpresa per i fornitori della Fercam: venerdì è stata recapitata una lettera che comunicava che a seguito del perdurare della negativa flessione economica, si procedeva ad una riduzione del tre per cento di tutte le fatture presentate all’incasso, con effetto retroattivo al gennaio di quest’anno.  Dal momento che lo “sconto forzato” può corrispondere a cifre decisamente consistenti, la Fercam affianca una sorta di finanziamento, che da una parte permette all’azienda di trasporti l’incasso immediato della somma corrispondente alle detrazioni, dall’altra concede al fornitore la possibilità di usufruire di un rientro mensile, da conteggiare sulle prossime fatture presentate.  Il provvedimento rischia di andare a colpire in modo particolare i padroncini che lavorano in esclusiva per la ditta altoatesina che in segno di protesta hanno deciso di ritardare le partenze. Per i padroncini la situazione non è certo facile dopo che l’anno scorso, sempre nel mese di novembre, hanno dovuto accettare il posticipo del pagamento delle fatture a novanta giorni.  Questo provvedimento, segue la messa in mobilità del personale impiegatizio che a settembre, è stato posto di fronte ad un patto di solidarietà che prevede sia la riduzione dell’orario di lavoro da otto ore a sei che la riduzione dello stipendio mensile del venti per cento.  La decisione di ridurre percentualmente le fatture con effetto retroattivo, è di difficile spiegazione anche perché preso in coincidenza del periodo di maggior lavoro per l’autotrasporto. E la reazione, facilmente prevedibile, di un blocco dei camion causa un danno decisamente pesante. Il provvedimento sarà esecutivo tra sessanta giorni. Dal tenore dello stesso, non sembra però che ci possano essere dei grossi margini di trattativa.  Per quanto riguarda i padroncini, a parte l’immediato danno economico, non è ancora chiaro cosa succederà in caso di interruzione del rapporto di lavoro che potrebbe corrispondere ad un rientro di tutta la cifra finanziata, limitando di molto la libertà decisionale di tutti i lavoratori. (gf.p.)

  46. anonimo

    noi abbiamo risposto così:
     
    Riscontriamo la pregiata Vs. del 28 ottobre u.s. e comprendiamo le ragioni che Vi hanno portato ad indirizzarci la Vs. fattura per Euro 546.56 in quanto noi stessi abbiamo in corso un programma di razionalizzazione e ristrutturazione del ns. gruppo.
    Vi riconosceremo pertanto l’importo della Vs. fattura, accettandola di buon grado, qualora Voi riconoscerete ed accetterete di buon grado la ns. fattura per 1093.12 che emettiamo con le stesse motivazioni e che alleghiamo alla presente.
    Vi assicuriamo un assoluto sostegno anche da parte nostra per il recupero graduale della differenza con sconti e condizioni di favore sul lavoro che vorrete appoggiare alla ns. organizzazione.
    Vi ringraziamo in anticipo per la Vs. comprensione e porgiamo i ns. migliori saluti,
     

  47. tabatina82

    utente anonimo del post #46 sei un genio!!
    bell’idea quella di girargli la frittata addebitandogli il doppio della loro fattura con la stessa casuale.
    mi fai sapere se hai avuto risultati? io ho intanto avviato la stessa procedura di Paolo.

  48. anonimo

    e sempre quella azienda nella sua filiale di padova ha ben 17 autisti IN NERO pseudo dipendenti di alcuni subappaltatori del servizio di trasporto, … alla faccia della concorrenza!!!!!!!!!!!!!!!

  49. PaoloFederici

    ragazzi, per favore … usate questo blog con moderazione!Ho già una denuncia per diffamazione sulle spalle (anche se non so ancora da chi!) per qualcosa scritto su questo blog!Paolo

  50. anonimo

    Volevo solamente aggiungere la mia solidarietà a tutti Voi. Ho lavorato per questa azienda per 20 e ho dato le dimissioni proprio per questi motivi: richieste di sconti ingiustificati, mobilità con l'obbligo di fare le stesse ore di prima, addebiti a clienti senza alcun avviso, eccetera.
    Purtroppo non sempre la legge è uguale per tutti ma, con chi ha i soldi può prendere strade diverse…..
    Roby

e tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...